menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I due mezzi incidentati (foto vigili del fuoco)

I due mezzi incidentati (foto vigili del fuoco)

Mattinata di sangue sulla strada provinciale 1 "Dell'Adige": due incidenti mortali in due ore

Tra le 8 e le 10 di venerdì, due persone hanno perso la vita in due scontri, auto contro camion, avvenuti a due chilometri di distanza l'uno dall'altro, ad Anguillara e Barbona

Mattinata di sangue, venerdì, sulla strada provinciale 1 "Dell'Adige", dove, a distanza di due ore, due persone sono morte in altrettanti incidenti stradali, avvenuti a due chilometri di distanza l'uno dall'altro, rispettivamente nei comuni di Anguillara Veneta e di Barbona.

DUE INCIDENTI MORTALI IN DUE ORE SULLA SP 1. In entrambi i casi, negli scontri sono rimasti coinvolti un'auto e un camion. Ad avere la peggio sono stati i due automobilisti. Illesi, invece, gli autotrasportatori. La prima tragedia si è verificata poco prima delle 8 ad Anguillara Veneta, dove ha perso la vita Bledar Asamataj, 38enne di origini albanesi residente a Cavarzere (Venezia).

DUE ORE PRIMA UN ALTRO INCIDENTE MORTALE, AD ANGUILLARA

LA SECONDA TRAGEDIA. Due ore più tardi, poco prima delle 10, all'altezza di via Banca, per cause in corso di accertamento da parte dei carabinieri di Solesino, la Fiat Idea di una donna di 38 anni, Guendalina Bacchiega, operaia, residente a Masi in via Este 101, si è scontrata con un altro mezzo pesante, condotto da un veneziano di Mira di 49 anni. I due veicoli viaggiavano in direzioni di marcia opposte e hanno impattato frontalmente (la Fiat procedeva in direzione di Bora Pisani). Il tir è finito fuori strada, mentre l'auto è andata a conficcarsi nel guardrail. I vigili del fuoco di Este e Rovigo hanno messo in sicurezza i mezzi ed estratto il corpo della donna, ormai senza vita, rimasto incastrato, nelle lamiere contorte dell’auto, di proprietà del compagno. Al vaglio dei carabinieri la ricostruzione della dinamica dell'incidente. Entrambi i mezzi sono stati posti sotto sequestro. La salma è stata trasportata all'obitorio dell'ospecives di Schiavonia a disposizione dell'autorità giudiziaria di Rovigo.

         

                                                                               

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento