menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Travolto in bici sulla Monselice Mare, 16enne muore dopo due giorni di agonia

Per Ludovico Michielon, di Conselve, non c'è stato purtroppo nulla da fare. L'incidente martedì sera. Poi la corsa in ospedale. Giovedì ne è stata dichiarata la morte cerebrale

Non c'è stato, purtroppo, nulla da fare per Ludovico Michielon, il ragazzo di 16 anni di Conselve travolto martedì sera da un'auto mentre in sella alla sua mountain bike stava attraversando la Monselice Mare, da via Legnosa a via Olmo.

IL CICLISTA È MORTO. Le sue condizioni erano apparse sin da subito gravissime: il giovane era stato trasportato d'urgenza all'ospedale di Padova, dove i medici lo avevano sottoposto ad un delicato intervento chirurgico a causa delle forti emorragie interne. Per due giorni, la vita di Ludovico è rimasta appesa ad un filo. Un filo che si è spezzato nel primo pomeriggio di giovedì, quando ne è stata dichiarata la morte cerebrale. La famiglia di Ludovico ha acconsentito alla donazione degli organi. 

L'INCIDENTE. Il ragazzo, la sera dell'incidente, era appena stato a far visita alla nonna. Nell'attraversare l'arteria stradale, era stato travolto da una Citroen C4 Picasso nera condotta da M.E., marocchino di 46 anni, residente a Conselve. L'impatto era stato violentissimo: il ciclista era rovinato a terra privo di conoscenza. Poi la corsa in ospedale, che purtroppo non è bastata a salvargli la vita. Sul posto per i rilievi erano intervenuti i carabinieri. La bici del 16enne era priva di fanale e catarifrangenti. L'automobilista non avrebbe visto in tempo il ragazzo e non sarebbe quindi riuscito a frenare evitando l'impatto.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento