menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La vittima, Arcadio Navaro

La vittima, Arcadio Navaro

Incidente moto-auto, centauro finisce contro un palo e muore: assolto l'automobilista

Assoluzione piena perché "il fatto non sussiste". Lo ha deciso il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Rovigo, Pietro Mondaini, al termine del processo con rito abbreviato per il tragico incidente avvenuto il 17 giugno del 2015 a San Martino di Venezze

Assoluzione piena perché "il fatto non sussiste". Lo ha deciso il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Rovigo, Pietro Mondaini, al termine del processo con rito abbreviato per il tragico incidente avvenuto il 17 giugno del 2015 a San Martino di Venezze (Rovigo), in cui perse la vita Arcadio Navaro, muratore 51enne di Anguillara Veneta.

L'INCIDENTE. La sua Ducati Monster si scontrò contro la Panda di un 55enne in via Penisola: moto e motociclista finirono contro un palo della luce in cemento, un impatto violentissimo che causò il decesso del padovano. 

L'ASSOLUZIONE. Ad un anno e mezzo da allora, il giudice ha stabilito la completa assoluzione dell'automobilista coinvolto nell'incidente dall'accusa di omicidio colposo: secondo quanto ricostruito al momento del sinistro, la sua auto si stava immettendo su via Penisola; dalla sua posizione - questo sostiene la consulenza tecnica - il conducente non avrebbe potuto accorgersi del sopraggiungere della moto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento