rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Incidenti stradali San Giorgio in Bosco / Piazza XXIX Aprile

Alessandro lascia nello strazio i genitori e due sorelle che lo adoravano

Nello schianto di mercoledì sera sono rimasti feriti in maniera non grave un amico della vittima e il consigliere provinciale Fabio Miotti che al momento dell'impatto si trovava a pochi metri da casa

Alessandro Nalon, la vittima dell'incidente di mercoledì sera, 12 ottobre, lavorava nell'industria meccanica Camec di Cittadella. Lascia nello strazio i genitori Maria Luisa e Romeo oltre alle sorelle Silvia e Stefania. Non era sposato. Non appena appreso della tragedia, l'ennesima lungo le strade dell'alta padovana, è stata proprio Silvia con il marito ad accorrere al capezzale di Alessandro e a seguire in un silenzio assordante le operazioni di recupero della salma dell'adorato fratello. 

I rilievi

Sul luogo dell'incidente mortale hanno lavorato senza sosta i carabinieri della Compagnia di Cittadella. Non appena è giunto il nullaosta del pubblico ministero di turno, la salma è stata trasportata all'istituto di Medicina legale di Cittadella in attesa di essere affidata alla famiglia per organizzare le esequie. I mezzi coinvolti nel tragico incidente, la Tipo che guidava Alessandro Nalon e la Nissan Qashqai condotta dal consigliere provinciale Fabio Miotti di 34 anni sono stati sequestrati e messi a disposizione dell'autorità giudiziaria. La viabilità lungo piazza XXIX Aprile è tornata alla normalità solo a tarda notte. 

L'incidente

Il tragico schianto è avvenuto alle 19,45 nella frazione di Sant'Anna Morosina di San Giorgio in Bosco lungo la Provinciale che attraversa il paese e unisce piazza XXIX Aprile con via Morosina. Alessandro Nalon al volante di una Fiat Tipo si trovava in compagnia di un amico A.S. anch'egli di Villa del Conte e stava procedendo verso casa. In direzione opposta transitava il consigliere comunale all'opposizione di San Giorgio in Bosco, con la carica anche di consigliere provinciale, Fabio Miotti di 34 anni su Qashqai che si trovava a poche centinaia di metri da casa. Ad un tratto la Tipo avrebbe cominciato a sbandare fino ad invadere la corsia opposta di marcia. L'impatto è stato devastante. Il conducente è morto pochi minuti dopo l'arrivo del personale medico del Suem 118, nonostante le cure ricevute nell'immediatezza dello schianto. Troppo gravi le lesioni riportate.  

Il cordoglio del sindaco di Villa del Conte

«E' devastante commentare l'ennesima vittima di un incidente stradale. Non appena ho appreso che il deceduto viveva nel territorio di Villa del Conte - ha detto il sindaco Antonella Argenti - mi sono subito adoperata per contribuire nell'attività burocratica. Ai familiari di Alessandro, a nome di tutta l'amministrazione comunale, trasmetto tutta la mia vicinanza e le più sentite condoglianze. Le porte del municipio saranno sempre aperte per aiutarli e sostenerli in questo difficile e straziante momento. Spero di cuore che tragedie di questa portata non debbano più accadere. La scia di sangue provocata da incidenti lungo le nostre strade è impressionante e il dolore è enorme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessandro lascia nello strazio i genitori e due sorelle che lo adoravano

PadovaOggi è in caricamento