Cronaca Cave / Via Chiesanuova

Incidenti stradali, Ragona: "Ci vogliono più zone 30"

Dopo l'ultimo grave incidente in cui è deceduto un 17enne, l'assessore alla mobilità spinge per abbassare i limiti di velocità nei quartieri: "In via Chiesanuova non si può fare, ma lì passerà il tram e cambierà tutto. Nel resto della città però dobbiamo assolutamente intervenire"

«Via Chiesanuova è sicuramente tra le strade più pericolose di Padova. Lì c'è il progetto del tram, che quando sarà ultimato cambierà completamente il volto della strada e la viabilità. Questo la renderà sicuramente sarà più sicura». L'assessore alla mobilità Andrea Ragona parla controvoglia dell'incidente di mercoledì sera, che purtroppo ha coinvolto il giovanissimo Piergianni Cesarato, deceduto dopo essersi scontrato con un furgone mentre era in sella alla sua moto.

Via Chiesanuova

Via Chiesanuova però resta un problema. Da anni è tra le strade che miete più vittime a causa di incidenti stradali. Insieme a via Gattamelata e via Facciolati è la strada dove la media continua ad assestarsi tra i 20 e i 30 incidenti all'anno. Prima che fossero installati i T-Red, gli apparecchi che fotografano auto e moto sorpresi a passare con il semaforo rosso, addirittura si superavano anche i 40, risultando sistematicamente la via più pericolosa: «Le zone 30 sono fondamentali perché diminuiscono la velocità media e quindi il rischio, ma su via Chiesanuova ovviamente non può essere applicata» spiega Ragona, che per quella strada quindi spera nel veloce approdo della nuova linea tram, che tra rotaie e piste ciclabili dovrebbe rallentare il traffico. L'amministrazione ha anche preparato un piano per la sicurezza stradale, che però è a lungo termine e finora non troppo incisivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti stradali, Ragona: "Ci vogliono più zone 30"

PadovaOggi è in caricamento