Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Infortunio sul lavoro: non ce l'ha fatta l'operaio di 35 anni precipitato da 6 metri

Giovanni Manente, 35 anni di Massanzago, dipendente della Luisetto srl, era caduto da un cestello mentre lavorava in un'azienda di Vicenza. Le sue condizioni erano disperate

Stava demolendo un impianto all'interno di uno stabilimento di Breganze (Vicenza) quando è precipitato dall'altezza di oltre sei metri sbattendo violentemente la testa. L'incidente sul lavoro che aveva coinvolto lunedì mattina Giovanni Manente, operaio di 35 anni dipendente della Luisetto Srl di Massanzago, era subito apparso gravissimo. Il giovane, dopo oltre 24 ore di agonia, è mancato nella giornata di martedì all'ospedale di Vicenza dov'era stato elitrasportato in prognosi riservata.

La notizia del decesso

Sulla dinamica stanno ancora lavorando i carabinieri della locale compagnia oltre ai tecnici dello Spisal intervenuti per i rilievi. Secondo una prima ricostruzione Manente, che era all'interno di un cestello all'altezza di circa 6 metri, sarebbe stato colpito da un oggetto metallico di grosse dimensioni che gli avrebbe fatto perdere l'equilibrio, facendolo precipitare e sbattere violentemente la testa contro l'asfalto. Le sue condizioni già disperate sono precipitate in poche ore e il suo cuore ha smesso di battere nonostante tutti i tentativi dei medici di salvargli la vita.

Scout e pesca

Manente che era nato a Mirano nel Veneziano e che un anno fa aveva perso il padre, viveva da solo in un appartamento di Massanzago non molto distante dalla madre. Appassionatissimo di pesca, quando poteva praticava il carp fishing, postando sui suoi social network tutte le sue catture. Da giovane aveva fatto parte anche del locale gruppo scout Agesci dov'era stato molto apprezzato per la simpatia e la disponibilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infortunio sul lavoro: non ce l'ha fatta l'operaio di 35 anni precipitato da 6 metri

PadovaOggi è in caricamento