Inquinamento dell'aria: a Cinto Euganeo nei Colli l'interconfronto del Pm10

A Cinto Euganeo è stato posizionato uno strumento di riferimento che, per un periodo di almeno 40 giorni, eseguirà le misure di interconfronto con il PM10 della stazione fissa

L’Osservatorio aria di Arpav ha avviato le misure per garantire che i valori di polveri Pm10 rilevati dalle centraline siano confrontabili a livello nazionale ed europeo. L’attività viene effettuata nelle stazioni della rete di qualità dell’aria con misure di “interconfronto”, cioè mettendo in parallelo lo strumento della centralina con un campionatore di riferimento, periodicamente verificato da parte di ISPRA. Tali operazioni si aggiungono e non si sostituiscono alle attività di manutenzione e verifica ordinarie che vengono effettuate sugli strumenti delle centraline e necessitano di personale tecnico qualificato.

Interconfronto Pm10

L’interconfronto è previsto dalla normativa nazionale, in particolare, il Decreto ministeriale del 30 marzo 2017 stabilisce che la strumentazione per la valutazione della qualità dell’aria sia sottoposta ad una serie di controlli periodici, oltre a quelli routinari, per garantire ulteriormente l’affidabilità, l’accuratezza e la confrontabilità dei dati rilevati. A Cinto Euganeo è stato posizionato uno strumento di riferimento che, per un periodo di almeno 40 giorni, eseguirà le misure di interconfronto con il PM10 della stazione fissa. Una tale durata consente di raccogliere un numero adeguato di dati necessario ad effettuare delle elaborazioni statistiche. Inoltre, il periodo scelto tra febbraio e aprile, consente di effettuare misure a diversi livelli di concentrazione di polveri e in differenti condizioni meteorologiche. L'elaborazione delle due serie di dati così ottenute fornirà infine il grado di accuratezza dello strumento posto nella stazione fissa. Un altro interconfronto è in corso da febbraio a Pederobba in provincia di Treviso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella Bassa: si è tolto la vita Stefano Farinazzo, sindaco di Casale di Scodosia

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Ristorante la sera, discoteca abusiva la notte: dopo il blitz stop ai balli

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento