menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Bmw e lo scooter coinvolti nell'incidente

La Bmw e lo scooter coinvolti nell'incidente

Tampona anziano in scooter e non si ferma: incastrato "pirata" 80enne

Aveva travolto con la sua auto un 71enne in motorino, martedì, a San Giorgio in Bosco. I carabinieri hanno intercettato l'automobilista, che aveva portato il mezzo dal carrozziere: "Non me ne ero accorto"

"Non credevo di avere colpito un uomo". Così si è giustificato, davanti ai carabinieri, l'automobilista che, martedì pomeriggio, ha tamponato un anziano di 71 anni, in sella al suo motorino, in via Cogno a San Giorgio in Bosco, senza fermarsi a prestare soccorso all'uomo ferito a terra.

ARRESTATO IL PIRATA. Lo hanno scovato i carabinieri della stazione di Tombolo. Si tratta di un 80enne di Fontaniva. L'anziano quel giorno era alla guida di una Bmw 320 e in seguito l'aveva portata da un carrozziere per sistemarla. I militari sono arrivati a lui proprio passando al setaccio le officine della zona, ipotizzando che il conducente fosse del posto. In effetti, un mezzo in riparazione corrispondeva esattamente a quello cercato dagli uomini dell'Arma. Sul luogo dell'incidente, infatti, erano rimasti alcuni pezzi di uno specchietto, compatibili perfettamente con le parti mancanti della Bmw.

"NON ME N'ERO ACCORTO". A quel punto i carabinieri hanno rintracciato e arrestato il proprietario dell'auto. Il responsabile del tamponamento ha raccontato ai militari di non essersi reso conto di avere colpito una persona. L'anziano ha spiegato di avere accostato subito, 100 metri più in là dell'impatto con il 71enne. Sarebbe uscito dal mezzo, ma, guardandosi intorno, non avrebbe visto quella persona, e si sarebbe convinto di avere sbattuto contro un muretto. Al carrozziere aveva invece raccontato di avere parcheggiato il veicolo fuori dall'ospedale e che qualcuno probabilmente lo aveva urtato facendo manovra.

L'UDIENZA. L'arresto non è stato convalidato nel corso dell'udienza che si è svolta giovedì mattina per "trascorsa flagranza". Sono state ad ogni modo accertate le responsabilità dell'80enne di Fontaniva.

LA DENUNCIA. Erano stati i familiari della vittima a sporgere denuncia alla stazione di Cittadella. L'uomo era stato accompagnato dal figlio in ospedale, dove i medici gli avevano dato una prognosi di 60 giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento