menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Istituto oncologico veneto

L'Istituto oncologico veneto

Iov, sale operatorie mobili per contenere le liste d’attesa

Nel reparto di chirurgia oncologica dell'Istituto Oncologico Veneto con sede a Padova, l'abbattimento delle liste d'attesa passa per l'innovazione organizzativa, un blocco operatorio mobile effettuerà interventi su neoplasie del seno e melanomi

Un vero e proprio blocco operatorio mobile completamente attrezzato e pronto all’uso: è l’ultima frontiera medica sperimentata allo Iov di Padova per gestire le limitate risorse disponibili mantenendo alti standard di qualità ai pazienti e contenendo le liste d’attesa. Vi verranno eseguiti interventi per neoplasie del seno, compresa la ricostruzione post-mastectomia, per melanoma e per il posizionamento di accessi venosi per chemioterapia come i port (piccole valvole che permettono di fare la chemioterapia senza rovinare le vene delle braccia).

LA SPERIMENTAZIONE. La nuova sala operatoria, composta da una sala preparazione paziente, uno spogliatoio per il personale, un vano lavaggio chirurghi, e una sala operatoria certificata secondo i massimi livelli di sicurezza, verrà collocata su retro dell’Istituto.
Prima in Italia, la soluzione è già stata sperimentata con grande successo in Inghilterra e in tutto il Regno Unito, ed è stata stata fortemente voluta dall’equipe del Dottor Carlo Castoro, responsabile della Chirurgia Oncologica dello Iov, e presidente dell’International Association for Ambulatory Surgery. Il partner della sperimentazione sarà la ditta inglese Vanguard Healthcare, tra le più esperte del settore.

I VANTAGGI. Ad imporre questa soluzione la crescita del numero dei pazienti e la complessità dei casi trattati che ha rischiato di produrre un aumento delle liste d’attesa, liste che, in campo oncologico, devono necessariamente essere mantenute al di sotto dei trenta giorni. La nuova sala mobile aumenterà la capacità operatoria del reparto senza inficiarne la qualità.

LE PROSPETTIVE. Il programma iniziale prevede una sperimentazione che durerà 4 mesi, al termine della quale sarà avviata una gara europea per l'eventuale acquisizione di una sala mobile, dedicata agli interventi in regime di day surgery, secondo le linee guida cliniche valide per oltre il 70% degli interventi chirurgici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento