menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Debora Sorgato

Debora Sorgato

Isabella, il fratello: "Diteci dov'è il corpo di Isabella e rinunciamo al risarcimento"

Il familiare della segretaria di Albignasego starebbe pensando di rinunciare al risarcimento se i tre indagati per l'uccisione della donna indicheranno dove è stato occultato il cadavere

Rinuncerebbe al risarcimento in cambio di un corpo su cui piangere, Paolo Noventa, fratello di Isabella, la segretaria 55enne di Albignasego scomparsa lo scorso 15 gennaio e per la cui morte sono indagati con l'accusa di omicidio premeditato l'autotrasportatore-ballerino, la sorella Debora e la tabaccaia di Camponogara (Venezia) Manuela Cacco. Violazione del segreto d'ufficio e accesso abusivo alla banca dati delle forze di polizia sono invece i reati contestati al quarto indagato, il maresciallo dei carabinieri Giuseppe Verde, dopo che gli inquirenti hanno scoperto alcuni suoi accessi "sospetti" all'Sdi - Sistema d'indagine - probabilmente allo scopo di fornire informazioni secretate a Debora Sorgato.

TUTTI GLI ARTICOLI SU ISABELLA NOVENTA

"RINUNCIO AL RISARCIMENTO PER IL CORPO". Come riporta Il Mattino di Padova, il familiare della vittima starebbe pensando di non richiedere alcun risarcimento ai tre indagati per la morte di sua sorella, se questi collaboreranno a ritrovare il cadavere della donna. La famiglia è ormai logorata: sono trascorsi mesi dalla scomparsa di Isabella e, ad oggi, il suo corpo non è ancora stato trovato, nonostante le ricerche nel Brenta e in altri luoghi suggeriti via via dagli sviluppi nelle indagini. Il suo rinvenimento potrebbe dare almeno il sollievo della sepoltura al fratello e alla mamma della segretaria di Albignasego, ma sarebbe anche fondamentale per gli inquirenti, perché potrebbe chiarire una volta per tutte cosa sia capitato alla sfortunata 55enne.

LA VILLA DI FREDDY COME RISARCIMENTO. Nei giorni scorsi, i legali di Freddy avrebbero informalmente offerto la villa di via Sabbioni come risarcimento all'avvocato dei Noventa, Gian Mario Balduin. Tuttavia la famiglia di Isabella aveva rifiutato la proposta: "Prima il corpo", era stata la risposta. Ora la situazione potrebbe ancora cambiare: i Noventa sarebbero disposti anche a rinunciare del tutto ad un eventuale risarcimento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento