Riprese le ricerche del corpo di Isabella. L'ex marito di Debora morto suicida, i suoceri in tv a Chi l'ha visto?: "Venga riaperto il caso"

Sommozzatori al lavoro, giovedì mattina, a Vigonza, in via Andreon, lungo l'argine sinistro del Brenta. La Cacco telefona ai familiari dal carcere. Nuovi interrogatori per i Sorgato

Freddy e Dora Sorgato e Manuela Cacco

Sono riprese, alle 9.45 di giovedì, le ricerche del cadavere di Isabella Noventa, la segretaria 55enne di Albignasego scomparsa lo scorso 15 gennaio e per il cui omicidio si trovano in carcere i fratelli Sorgato - Freddy e Debora - e la tabaccaia veneziana Manuela Cacco. Le attività, che mercoledì sono state interrotte per ragioni organizzative, torneranno a concentrarsi sull'area isolata dagli inquirenti (la base operativa è a Vigonza, in via Andreon, lungo l'argine sinistro del Brenta), raggiungibile in auto nei 23 minuti in cui i fatelli Sorgato, secondo l'ipotesi investigativa, si sarebbero sbarazzati del corpo. 

TUTTI GLI ARTICOLI SU ISABELLA NOVENTA

UN MARITO MORTO SUICIDA, GLI EX SUOCERI DI DEBORA. Intanto, durante l'ultima puntata di "Chi l'ha visto?", andata in onda mercoledì sera su RaiTre, davanti alle telecamere si sono mostrati gli ex suoceri di Debora Sorgato. I genitori dell'ex marito, morto suicida, chiedono di riaprire il caso: "Vorremmo chiarire la morte di nostro figlio perché è sempre stata un mistero, hanno detto che si è ucciso però le spiegazioni non le abbiamo mai avute".

TELEFONATE DAL CARCERE PER LA CACCO. Per quanto riguarda Manuela Cacco, l'anello debole del trio, quella che ha svelato la messinscena della camminata in centro a Padova indossando il cappotto bianco di Isabella, e la più "provata", forse, dall'esperienza della reclusione, le è stato permesso di telefonare dal carcere ai figli, ai genitori e all'ex coniuge. Tra le sue preoccupazioni, e dei figli, quella della tabaccheria di Camponogara (Venezia), rimasta chiusa dal giorno dell'arresto della donna.

NUOVI INTERROGATORI PER FREDDY E DEBORA. Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare anche gli esiti degli accertamenti, affidati alla biologa Luciana Caenazzo, sulle tracce ematiche e biologiche rinvenute nella cucina dell'abitazione dell'autotrasportatore e ballerino, il luogo dove si suppone sia stato compiuto il delitto. Nel contempo, i fratelli Sorgato, che finora non hanno voluto collaborare con gli inquirenti, dovrebbero essere nuovamente interrogati dal pubblico ministero Giorgio Falcone.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento