menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scrive ai carabinieri e denuncia lo Stato per "istigazione al suicidio"

Autore Loris Ravezzolo, padovano di 60 anni che, in una lettera inviata ai militari dell'arma di Ponte San Nicolò, sfoga la propria frustrazione nei confronti di un sistema che lo rende "vittima di una burocrazia ceca"

“Solo la ragione, fino ad oggi, ha contenuto la disperazione di vedermi incapace a reperire quel lavoro che mi consenta un reddito sufficiente a rendermi una vita dignitosa e a essere presente e puntuale nell’onorare i miei impegni sociali; oppresso da una burocrazia arrogante, ossessiva, ignorante, inconclusiva e una ingiusta ed insostenibile tassazione, il tutto fuori dai dettami della nostra Costituzione”. A scriverlo Loris Ravezzolo, padovano di 60 anni che, in una lettera inviata ai carabinieri di Ponte San Nicolò, denuncia tutte le “istituzioni politiche, pubbliche e private aventi funzioni pubbliche, locali, nazionali” ma anche i “dirigenti e funzionari con poteri strategico decisionali per comportamenti vessatori, incostituzionali e istigazione al suicidio”.

LA RETE CERCA GIUSTIZIA: Denunciati i politici per istigazione al suicidio - ABANO TERME: Il sindaco denuncia il Governo per istigazione al suicidio

VITTIMA DELLA BUROCRAZIA. Poco più di 50 righe stampate su carta intestata dove l’uomo sfoga la propria frustrazione nei confronti di un sistema che lo rende “vittima di una burocrazia ceca, mal gestita, nelle mani di persone che non rispondono mai alle precise e dettagliate domande, che non vogliono assumersi responsabilità e che vivono nel loro dorato benessere, vessando e strozzinando impotenti, inermi e stremati cittadini, incapaci di trovare risorse per reagire ad un sistema di sprechi, ruberie varie, ben visibili a tutti”. Una lettera che chiede il “ridimensionamento dell’arroganza di chi dovrebbe dare risposte” così come di “ripristinare il sacro principio di sovranità dell’uomo cittadino”. Una lettera con cui Ravazzolo chiede la riconsegna del proprio lavoro “intenso non come normale occupazione ma come giusto reddito, nel doveroso rispetto dei diritti fondamentali sanciti dalla sacra Costituzione”. Con la speranza che “questa sua disperazione, che a troppi piccoli imprenditori ha già spento il sorriso, non prenda il sopravvento sulla già stremata ragione”.

FEDERCONTRIBUENTI. “Si tratta di una lettera che ha poco di istituzionale, ma molto di umano. Leggendola si percepisce la frustrazione quotidiana di questi lavoratori, incapaci di sopravvivere nella quotidianità, chiamati a proteggersi da quello Stato che dovrebbe essere schierato in prima linea per difenderli - dice Marco Paccagnella, presidente di Federcontribuenti - Ravazzolo è un nostro iscritto, che ha deciso in via del tutto autonoma di mettere nero su bianco quanto costa vivere e lavorare oggi. Non chiede allo Stato un reddito di cittadinanza o un sussidio. Lui chiede quello che tutti gli imprenditori, i disoccupati, i giovani e gli operai in cassa integrazione oggi vedono come un miracolo: un lavoro giustamente retribuito. La possibilità di lavorare, la possibilità di poter condurre una vita dignitosa insieme alla sua famiglia. Come può lo Stato essere così cieco nei confronti di questa situazione che oggi rappresenta, più di tutto, un problema sociale italiano? Abbiamo chiesto più volte ai politici di fare un passo indietro, guardare con attenzione cos’è la vita di un cittadino che non risiede nei sontuosi palazzi di Roma, senza alcuna risposta. Torniamo a farlo oggi, per cercare di dare delle risposte a persone come Loris Ravazzolo, stremato da una vita che dopo 40 anni di lavoro, si aspettava fosse più riconoscente nei suoi confronti. Abbiamo la fortuna di avere una Costituzione giusta ed equa, che parla infatti all’articolo 53 di ‘capacità contributiva’ del cittadino. È la norma fondante del nostro ordinamento tributario, ma non della ‘razio’ dei nostri politici. L’invito - conclude Paccagnella - è quello di ripartire dalla nostra Costituzione, dai nostri valori sociali e umani. Impossibile non trovare una soluzione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento