Istituto Valle al freddo per un guasto: problema risolto, riscaldamento in funzione

"Si è trattato di un bruciatore che ha mandato in blocco la caldaia - ha spiegato il consigliere delegato all'edilizia scolastica della Regione Davide Gianella - appena la centrale del servizio di manutenzione ha ricevuto la segnalazione, i tecnici si sono recati sul posto per far ripartire l'impianto il giorno stesso"

È stato risolto il problema di riscaldamento che si è verificato all’istituto Valle di via Buzzaccarini. Anche la provincia di Padova si è attivata per poter garantire ai ragazzi e ai docenti di trovare temperature adatte al regolare svolgimento delle attività. 

RISCALDAMENTO FUNZIONANTE. “Si è trattato di un bruciatore che ha mandato in blocco la caldaia – ha spiegato il consigliere delegato all’edilizia scolastica Davide Gianella – appena la centrale del servizio di manutenzione ha ricevuto la segnalazione, i tecnici si sono recati sul posto per far ripartire l’impianto il giorno stesso. L’intervento ha permesso di far tornare la temperatura a livelli accettabili. Colgo l’occasione per ricordare che da qualche anno le scuole possono inviare immediato avviso al numero verde del gestore accorciando così i tempi di sopralluogo e intervento. Nel caso specifico, infatti, è stato il gestore ad accorgersi di un malfunzionamento segnalato dalla centrale e intervenire”. 

MANUTENZIONE. Negli ultimi mesi sono state realizzate importanti opere di manutenzione in tantissimi istituti scolastici di competenza della Provincia e nella variazione di bilancio approvata recentemente sono stati stanziati altri fondi per l’edilizia e la manutenzione scolastica. “In questi casi noi ci siamo e interveniamo subito per tutto quello che possiamo fare – ha aggiunto il presidente della Nuova Provincia di Padova Enoch Soranzo – la nostra priorità è di garantire ai ragazzi che studiano e si stanno formando per il loro futuro, ai docenti e al personale in servizio, condizioni di vita e di lavoro quanto più sicure e moderne possibili. Non posso tuttavia nascondere che per il futuro sono molto preoccupato. La situazione in cui versano le Province è gravissima perché i tagli imposti dalla riforma Del Rio ha prosciugato soldi e personale. Solo per la Provincia di Padova sono stati tagliati 35,2 milioni di euro nel 2015 e 37,8 milioni nel 2016. Se non interviene un provvedimento straordinario, di questo passo la gestione di strade provinciali, edilizia scolastica, trasporto e tutela ambientale sono sempre più difficili da affrontare. Nonostante questo, abbiamo stanziato 8 milioni per l’edilizia scolastica e cerchiamo davvero di fare di ogni necessità virtù perché è dalle scuole che un Paese deve ripartire”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • Tragedia nell’Alta Padovana: malore improvviso, 16enne perde la vita

  • Ex seminario Tencarola venduto a società bergamasca

  • Il sorpasso azzardato causa lo scontro tra auto: un ferito elitrasportato in ospedale

  • Sgomberato l'hotel Sollievo Terme: all'interno c'erano una cinquantina di persone

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento