menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine dal backstage di "Italia vafxancuxo"

Un'immagine dal backstage di "Italia vafxancuxo"

La storia di una padovana di Este fra i 10 #italiavafxancuxo più votati dagli italiani

Angela non ha un lavoro da 3 anni, è stata licenziata per la crisi e ora le dicono che è "troppo referenziata". L'iniziativa di Igor Nogarotto per denunciare le problematiche del nostro Paese

"#italiavafxancuxo, perché non trovo lavoro da più di 3 anni, da quando mi hanno ingiustamente licenziata liquidandomi dicendo 'c'è la crisi'. E dovrei andarmene dall'Italia perché ormai non ho più nessuna prospettiva, sapete perché? Mi dicono che sono 'troppo referenziata'. Ma ci rendiamo conto? Perché è un demerito avere delle referenze? Italia = barzelletta". Sono le parole di Angela, padovana di Este, al secondo posto nella top ten degli #italiavafxancuxo più votati dagli italiani.

#ITALIAVAFXANCUXO". Il progetto è di Igor Nogarotto, che, a partire dal suo inno "rovesciato", ha voluto dipingere "l'esasperazione dilagante degli italiani; l'ItaGlia, quella con la 'G', per i tagli a cultura, sanità, istruzione". Il video "Italia vafxancuxo" (prossimo alle 10mila visualizzazioni in poche ore) è stato girato a Roma e racconta la storia di un imprenditore che perde tutto ed è costretto a diventare barbone. In parallelo al suo inno-denuncia, Nogarotto ha voluto lanciare anche l'iniziativa "#italiavafxancuxo week", con cui "tutti hanno potuto manifestare pubblicamente il proprio disagio - spiega - raccontare la propria visione dell'Italia e fornirci un quadro delle principali problematiche che siamo costretti ad affrontare quotidianamente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento