menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La droga sequestrata

La droga sequestrata

Khat, la finanza sequestra la droga "dei poveri" che arriva dall'Africa via corriere

Sono 18 i chilogrammi di stupefacente sequestrati a Cadoneghe un italiano di 46 anni nativo dello Zambia, denunciato dalle fiamme gialle. Le foglie di droga erano all'interno di alcuni pacchi, accuratamente preparati con carta regalo dai colori sgargianti

Proviene dall’Africa, in particolare dall’Etiopia, ma anche da Ruanda, Uganda, Kenya e Yemen. Sta arrivando negli ultimi anni anche sul mercato italiano. Ora ha fatto il suo ingresso pure a Padova, dove la Guardia di Finanza ne ha sequestrato oltre 18 chilogrammi. Si chiama Khat, inserito tra le sostanze pericolose dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sin dal 1980, il suo consumo avviene per lo più masticandone le foglie, ma c’è anche chi ne deglutisce i succhi. L’effetto finale è simile a quello provocato dalle anfetamine: dà euforia, allevia la sensazione di fame, reprime la fatica e il dolore. La differenza è che il Khat è molto più a buon mercato, tanto da essere soprannominata da qualcuno la “droga dei poveri”.

A CADONEGHE VIA CORRIERE. Il sequestro nei giorni scorsi a Cadoneghe, nei confronti di un italiano di 46 anni nativo dello Zambia, denunciato all’autorità giudiziaria. I finanzieri del nucleo di Polizia tributaria hanno rinvenuto le foglie di droga all’interno di alcuni pacchi, arrivati a destinazione tramite corriere, accuratamente preparati con carta regalo dai colori sgargianti.

CLIENTI AFRICANI MA NON SOLO. Secondo i dati in possesso delle fiamme gialle, sono principalmente gli africani in Italia i maggiori acquirenti di Khat, che ricercano anche qui la droga del paese d'origine, usata in Africa persino come ingrediente per delle preparazioni culinarie. Ma anche la clientela italiana pare aver iniziato a gradire a sua volta lo stupefacente, visto il costo irrisorio anche di 5 euro il prezzo finale al dettaglio in strada per una dose. All'aeroporto di Milano Malpensa, hub principale di smistamento di merci provenienti via corriere dall'Africa, è stata sequestrata nel 2015 una tonnellata e mezza di Khat, numeri che fanno capire come il fenomeno sia da attenzionare.

khat droga dei poveri finanza padova-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento