menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Kyenge, nuova offesa leghista sul web: "Dino dammi un crodino"

Ancora razzismo verso il ministro, stavolta dalla pagina di Andrea Draghi, assessore leghista di Montagnana, che attraverso una foto paragona l'esponente democratica all'orango di una celebre pubblicità di aperitivi

La nuova offesa ai danni del ministro Cecile Kyenge questa volta arriva dall'assessore leghista alla sicurezza di Montagnana Andrea Draghi che sulla sua pagina Facebook scomoda anche una celebre pubblicità di aperitivi per prendere in giro il ministro: "Dino dammi un crodino" utilizzando come sfondo la foto del ministro.

INSULTO DELLA VALANDRO: "NESSUNO CHE SE LA STUPRI"

INSULTO ESPONENTE SEL: "MOLLATELA A 20 NEGRI"

LA DENUNCIA. Immediate le reazioni della deputata del Pd Giulia Narduolo, che per prima ha denunciato l'episodio: "Quando mi è giunta tramite un conoscente la foto del post dell'assessore Draghi, ho pensato: ecco, ci risiamo. Dopo gli insulti di Calderoli, di Stival, l'augurio di venire stuprata fatto da una consigliera di quartiere di Padova, gli attacchi di Forza Nuova, il lancio di banane da parte di un evidente squilibrato durante una Festa Democratica e altro ancora, Cecile Kyenge subisce un'altra volgare e becera aggressione e dopo agli oranghi e alle scimmie, viene paragonata ad un gorilla. Un'offesa, è chiaro, dovuta più alla stupidità di certe persone piuttosto che al colore della pelle della Kyenge".


DIMISSIONI. La Narduolo prosegue: "Invito la sindaca di Montagnana, Loredana Borghesan, a ritirare immediatamente le deleghe dell'assessore e la Presidente della Provincia di Padova, Barbara Degani, a stigmatizzare e condannare con fermezza il comportamento di un consigliere della sua maggioranza. Insomma, dimostrino con i fatti di non essere come lui''.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento