menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontro tra una ciclista e l’auto dell’ex assessore: luci e ombre del lavoro di rider

La ragazza transitava in bicicletta lungo Corso Umberto quando è avvenuto lo scontro. Stava facendo una consegna e ora sorgono tanti dubbi e incertezze sulla posizione dei riders

L'incidente risale a domenica, quando la ragazza è piombata addosso alla portiera dell'auto che l'ex assessore ha aperto all'improvviso. La vicenda riporta alla luce il mondo oscuro dei riders, lavoratori occasionali con tanti rischi e poche certezze.

La dinamica

Erano da poco passate le 13 quando C.M., 29enne padovana, transitava in sella alla sua bicicletta lungo corso Umberto I, da Prato della Valle in direzione di via Roma. Era appena ripartita quando, in una frazione di secondo, si è trovata praticamente all'interno di un'auto. L'Audi A6 aveva accostato sulla destra pochi istanti prima e il conducente, senza accorgersi dell'arrivo della ciclista, ha spalancato la portiera centrandola in pieno. La ragazza è finita a terra senza ferire l'uomo alla guida.

I soccorsi

Nonostante le conseguenze non troppo gravi, qui la storia si complica. In primis perchè la 29enne al momento dell'incidente stava lavorando. Poi perchè a bordo dell'auto c'era niente meno che l'ex assessore alla mobilità Stefano Grigoletto. L'uomo ha chiesto alla ragazza come si sentisse, ma si è rifiutato (secondo la versione della giovane) di fornire le proprie generalità. «Per fortuna era pieno di testimoni, visto che a quell'ora il centro è gremito di gente» racconta C.M. «Io ho fornito i miei dati ma lui non ha voluto farle lo stesso. Ho spiegato che essendo in turno di lavoro avevo biosgno del verbale dei vigili urbani e del referto medico per accedere all'assicurazione. A quel punto Grigoletto ha insistito che fosse colpa mia perchè correvo».

Gli accertamenti

La polizia locale è arrivata e i testimoni si sono espressi a favore della giovane, mettendo a verbale che era appena salita in bici e andava a passo d'uomo. «Senza alcuna carta in mano mi hanno caricata in ambulanza e portata all'ospedale, dove ho ottenuto il referto» aggiunge la donna. Una forte botta alla tibia e acciacchi un po' ovunque, che guariranno in un paio di settimane. Oltre alla bicicletta da buttare.

Un baratro di incertezze

Acciacchi che le impediranno di lavorare per diversi giorni, e qui si apre l'alto punto oscuro della vicenda. C.M. lavora per una società di consegne a domicilio. É una "rider", un fattorino che grazie alla app aziendale sullo smartphone (suo) e alla bicicletta (sua pure quella), offrendo una disponibilità oraria viene incaricato di svolgere le consegne in città. Una collaborazione occasionale, che espone al rischio di guidare in mezzo al traffico e offre una copertura assicurativa poco chiara. «A Padova non esiste un ufficio fisico, li ho contattati via mail per capire come procedere» racconta la ragazza «Dopo più di tre giorni hanno risposto che mi sarei dovuta arrangiare con la compagnia assicurativa che mi hanno indicato e aprire una pratica». Tutto a carico del lavoratore, che venerdì ha ritirato il verbale dalla polizia municipale.

Tanti dubbi

«Grigoletto ha provato a chiamarmi mentre ero in ambulatorio. Ho risposto con un messaggio ma non abbiamo più avuto contatti» aggiunge la 29enne. Almeno dopo l'incontro con i vigili una rasicurazione l'ha avuta: corso Umberto è area pedonale e transitabile in bicicletta, perciò lei aveva il diritto di essere in sella al momento dell'incidente. Da valutare invece la posizione dell'Audi, su cui la municipale si riserva ulteriori accertamenti. «Ora aspetto di capire come muovermi, sia da parte della mia azienda, sia da parte dell'assicurazione».

Dignità del lavoro

Sul tema caldo delle consegne a domicilio solo nella città di Bologna è stata firmata la carta dei diritti dei lavoratori. Il comune emiliano intende anche far leva sul concetto di consumo responsabile in capo ad ogni consumatore e segnalerà  sul proprio sito istituzionale le piattaforme che hanno aderito alla Carta perché i cittadini sappiano che si sono impegnate a garantire standard minimi di tutela per i lavoratori, indipendentemente dalla qualificazione giuridica del loro rapporto di lavoro. Quindi anche il consumatore, scegliendo a chi rivolgersi, determina se acquistare un servizio da una società o azienda che rispetta i lavoratori oppure no. In sintesi il principio è quello di fare in modo che le aziende che si servono dei riders, assicurino i loro lavoratori in caso di sinistri, come è accaduto nel caso di cui stiamo raccontando. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento