menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La refurtiva sequestrata

La refurtiva sequestrata

Derubano gli ambulanti in Prato e provano ad appropriarsi di un'auto: quattro arresti

Martedì sera. Fermati 4 nomadi. In macchina sono stati trovati 8mila euro, provento di furto. Il mezzo stesso non era il loro. Dalle perquisizioni in casa è emersa altra refurtiva per decine di migliaia di euro

Nella tarda serata di martedì, gli agenti delle Volanti, con l'ausilio dei militari dell'Esercito - impiegati nell'operazione “Strade sicure” - hanno effettuato, in Prato della Valle a Padova, dove era in corso la Festa di primavera, il fermo di 4 uomini appiedati che, con fare sospetto, si trovavano vicino ad un'auto parcheggiata in zona antistante il comando regionale dei carabinieri.

L'AUTO "SOSPETTA" E L'INSEGUIMENTO. La segnalazione è arrivata da un'ambulante di gastronomia di Cesena, che ha riferito di avere notato una Ford Focus girare nella zona. La donna ha spiegato che la stessa auto si trovava parcheggiata tra quelle degli altri venditori presenti tra gli stand, e chiedeva quindi una scorta fino a Padova Est per il timore di essere rapinata dell'incasso dagli occupanti del mezzo sospetto. Gli agenti si sono avvicinati al gruppo di persone in questione per procedere all'identificazione. Alla vista delle pattuglie dell'Esercito e della polizia di Stato, però, i quattro hanno tentato di scappare. La fuga, tuttavia, è stata breve ed è terminata dopo poco meno di 400 metri, nelle vicinanze della basilica di Santa Giustina, in via Cinquantottesima Fanteria.

L'INCASSO RUBATO ALL'AMBULANTE. Dentro l'auto c'erano 4 nomadi di etnia rom, tutti maggiorenni, e due bambini di 8 e 9 anni, tutti di Piove di Sacco. A seguito delle perquisizioni effettuate nell'autovettura, all'interno di una valigetta è stata rinvenuta un’ingente somma di denaro (8mila euro circa), guanti, un paio di forbici e torce. La grossa cifra è risultata appartenere al titolare di due stand di gastronomia brasiliana (era l'incasso di due serate): il marsupio con i soldi era in effetti il suo, il denaro, che la vittima credeva di avere messo al sicuro, era stato sottratto dai malviventi, che avevano forzato la portiera del furgone.

LA REFURTIVA A CASA. Da ulteriori accertamenti, è emerso che i quattro individui stavano cercando di rubare anche l'auto sulla quale erano stati notati. Inoltre, alle 5.30 di mercoledì, ulteriori perquisizioni a casa hanno portato al rinvenimento di oltre mille articoli: orologi Rolex originali, bracciali e collier in oro da migliaia di euro a pezzo, e, ancora, prese elettriche, calzini, occhiali, magliette, vestiti. Sono in corso verifiche sulla provenienza della merce.

ARRESTATI. Attualmente, i quattro (G.C., 27 anni, R.L., 29 anni, M.L., 21 anni e O.S., 28 anni) si trovano in stato di arresto per furto in flagranza; nei loro confronti è scattata anche una denuncia per ricettazione. La direttissima è prevista per giovedì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento