Ladri arrestati, nell'auto il bottino di due colpi. Si cercano i proprietari della refurtiva

A incastrarli gioielli e contanti trovati nel loro veicolo. I carabinieri indagano per capire a chi appartengano gli altri oggetti recuperati negli appartamenti dei due arrestati

Due furti nella notte e probabilmente molti altri che ancora devono essere ricostruiti. Gli autori sono stati bloccati ieri sera dai carabinieri con la refurtiva.

Il controllo in strada

A fermare i due stranieri sono stati i carabinieri di Este che martedì sera stavano pattugliando la zona di Saletto. A bordo di una Ford Focus intestata a un prestanome c'erano B.E., 25enne residente a Borgo Veneto, e R.M., 52enne croato ma che vive a Rovigo. Nell'auto erano nascosti diversi gioielli, pezzi di argenteria e mille euro in contanti che, sommati ai numerosi precedenti dei due uomini, hanno messo in allerta i militari.

Prove schiaccianti

Dopo un controllo incrociato, hanno scoperto che la refurtiva nella Ford era stata rubata poco prima in due abitazioni svaligiate dai ladri, una a Campodoro e l'altra a Piazzola sul Brenta. Arrestati per furto aggravato, a peggiorare la situazione degli stranieri sono state le perquisizioni effettuate nella notte nei loro appartamenti. Fra Borgo Veneto e Rovigo i carabinieri hanno recuperato altri contanti per 1.500 euro oltre a orologi, telefoni cellulari, collezioni di posate e oggetti in argento e gioielli.

Proseguono le indagini

I due uomini non hanno saputo dare una spiegazione convincente su come si fossero procurati la merce, perciò all'accusa di furto si è aggiunta anche quella di ricettazione. Dopo averli consegnati al carcere di Rovigo, gli inquirenti hanno rintracciato i proprietari delle abitazioni di Campodoro e Piazzola restituendo loro gli oggetti rubati. Proseguono le indagini per capire a chi appartenga la refurtiva trovata in casa dei due ladri e per accertare se vi siano altri furti a loro carico.

Posto di blocco con sorpresa

Un controllo stradale notturno ha anche permesso ai carabinieri di Piombino Dese di denunciare un giovane, scoperto alle 3 alla guida della sua auto con una mazza da baseball nel bagagliaio. Il 23enne di Loreggia non ha saputo spiegare a cosa gli servisse il pesante e insolito oggetto, specialmente nell'automobile, e si è guadagnato una denuncia per porto abusivo di oggetti atti a offendere.

Potrebbe interessarti

  • La Notte dei Colori, feste in piazza e sui colli, lirica e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • 10mila veneti colpiti da Linfedema. Sinigaglia: «Pazienti costretti ad andare all'estero per farsi curare»

  • «Ecco perché perdiamo forza durante l’invecchiamento»: la ricerca congiunta Vimm-Università

  • Veicoli storici: riduzione del 50% dell'imposta per i mezzi registrati fino al 2 marzo 2019

I più letti della settimana

  • Violento acquazzone nel Padovano: forte vento e grandine, alberi sradicati e strade allagate

  • Domenica di sangue: schianto tra due auto sull'argine a Codevigo, morto un 43enne

  • Tragico frontale sulla regionale 308: muore un parroco di 82 anni

  • Tragico schianto in moto alle Canarie: muore Andrea "Pizzi" Mazzin, 35enne padovano

  • Tragedia al maneggio, ucciso dal cavallo imbizzarrito. Il dramma ripreso da un collega

  • Devastante rogo in un'azienda: collassati due capannoni, morti 100mila tra polli e galline

Torna su
PadovaOggi è in caricamento