Tentato furto di 500 chili di rame a S. Pietro in Gu: arrestati 4 nomadi

Sono stati sorpresi in flagrante ieri sera dai carabinieri. Stavano rubando all'interno delle Cartiere Cariolaro in liquidazione. Uno dei ladri è stato bloccato subito, gli altri tre dopo un tentativo di fuga

Gli attrezzi del mestiere recuperati dai carabinieri

Durante un pattugliamento mirato per contrastare i furti, ieri sera i carabinieri di Carmignano di Brenta si sono imbattuti in una banda di ladri intenti a rubare 500 chilogrammi di rame dalle "Cartiere Cariolaro" in liquidazione nello stabilimento di San Pietro in Gu.

IL TENTATO FURTO. Vicino alla recinzione della ditta, già nel mirino dei banditi anche in passato, era parcheggiata una Renault Clio che ha attirato l'attenzione dei militari dell'arma, che hanno così deciso di appostarsi. Poco dopo, una persona incappucciata con passamontagna è scesa velocemente da una scala esterna dello stabilimento, seguita a breve distanza da altri 3 individui. L’immediato intervento dei carabinieri ha consentito di bloccarne subito uno dei 4. I complici, sulle cui tracce sono state sguinzagliate numerose pattuglie, sono stati rintracciati a ridosso di un pilone del ponte, lungo la strada statale 53. Circondati, i 3 si sono arresi. Gli arrestati, nomadi residenti nel vicentino e senza fissa dimosa, di cui due con precedenti per furto, sono: il 32enne Pietro R., il 47enne Alessandro H., i 40enni Davide H. e Sansone K. Per tutti è scattato il processo per direttissima al tribunale di Padova.

GLI ATTREZZI DEL MESTIERE. Durante le perquisizioni sono inoltre stati rinvenuti tutti gli attrezzi necessari a sfilare il rame dalle bobine degli accumulatori dei macchinari industriali, un multimetro digitale per la misurazione della tensione elettrica, torce a pila, passamontagna, coltello a serramanico, nonché parcheggiato a poche centinaia di metri dall’obiettivo, un autocarro Nissan di colore bianco con cassone di proprietà di uno degli arrestati e che sarebbe servito per caricare tutto il rame.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione #IoApro: l'elenco di bar e i ristoranti che aderiscono all'iniziativa

  • Andrea Pennacchi: «So taca na machina, ma respiro. Grazie a tutti i medici, sono in buonissime mani»

  • La pasticceria Le Sablon fa servizio al tavolo per #ioapro: prese le generalità a clienti e titolare

  • Famiglia si sbronza per "dimenticare" il parente morto: 17enne sviene, i genitori sfondano la porta del pronto soccorso per farlo curare

  • Solesino: primo comune italiano a dotarsi di un'Alfa Romeo Stelvio per la polizia locale

  • Fermati dalla polizia mentre acquistano cocaina. L'amara sorpresa, sono due agenti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento