menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I latitanti arrestati dalla finanza

I latitanti arrestati dalla finanza

Latitante ai Caraibi, aveva la guardia del corpo: arrestato ex produttore cinematografico

La finanza ha portato in carcere un 45enne padovano, da anni stabilitosi nella Repubblica Dominicana. Famoso per falsi provini, deve scontare 5 anni e 6 mesi per estorsione e bancarotta

A partire dai primi mesi dell'anno, il comando provinciale della Guardia di Finanza di Gorizia ha avviato un’intensa e mirata attività d’intelligence oltre oceano, che ha innescato un lungo e complesso iter burocratico internazionale ed ha permesso di concludere, nella mattinata di domenica, all’aeroporto Valerio Catullo di Verona-Villafranca, un'operazione che ha portato all’arresto di due pericolosi latitanti ormai da anni stabilitisi nella Repubblica Dominicana.

PROTETTO DAL BODYGUARD. Si tratta di due cittadini italiani, da tempo residenti nei Caraibi, P.G.M., 45 anni, nativo della provincia di Padova, e di S.N., 66 anni, originario di Avola (Sr), colpiti da ordini di cattura internazionali, emessi rispettivamente dall’autorità giudiziaria di Venezia e di Busto Arsizio (Va). Il primo, che durante la latitanza nella Repubblica Dominicana veniva protetto da un bodyguard armato, è un ex produttore cinematografico, famoso per falsi provini, già sorvegliato speciale, con numerosi precedenti, in particolare riguardanti reati contro il patrimonio, che deve scontare una pena residua di 5 anni e 6 mesi di reclusione per estorsione e bancarotta fraudolenta. Il secondo latitante, soggetto pluripregiudicato, con precedenti riguardanti il porto abusivo di armi, il traffico internazionale di sostanze stupefacenti, gioco d’azzardo, reati contro il patrimonio e contro la persona, deve scontare una pena di anni 5 di reclusione per illecita importazione di sostanze stupefacenti. I due arrestati sono stati portati nella casa circondariale di Verona, a disposizione dell'autorità gudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento