menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I lavori in via Sarpi

I lavori in via Sarpi

Al via pulizia area via Sarpi, Boron "Basta degrado per incuria privati"

Lunedì, sono iniziati i lavori nella zona vicino a ponte Dalmazia a Padova. "Pugno di ferro dell'amministrazione contro il degrado dovuto a abbandono o mancata manutenzione di aree di proprietà privata"

Sono iniziati lunedì i lavori di pulizia e di messa in sicurezza dell’area in via Sarpi a Padova, vicino al ponte Dalmazia, diventata meta di bivacchi in seguito all’occupazione abusiva da parte di alcuni clandestini. A comunicarlo è l’assessore alle Manutenzioni e all’edilizia pubblica, Fabrizio Boron, che annuncia il "pugno di ferro dell’amministrazione di fronte a situazioni di insicurezza, di degrado, di occupazioni, di accampamenti abusivi dovuti all’abbandono o alla mancata manutenzione di aree ed edifici di proprietà privata".

BORON. "Gli strumenti amministrativi ci sono e le leggi dello Stato esistono. Basta applicarle. L’amministrazione sarà molto severa con i privati che non garantiscono manutenzione e sicurezza ad aree o edifici – ha precisato Boron – l’area Sarpi-Dalmazia, abbandonata e divenuta meta di bivacchi, era già stata sgomberata dagli agenti della polizia locale. Il passo successivo è stato emettere un’ordinanza intimando al proprietario di provvedere al ripristino dello spazio".

CITTADINI "RESPONSABILI". "L’area dovrà essere pulita, messa in sicurezza e le recinzioni danneggiate dagli occupanti abusivi dovranno essere riparate. Il messaggio è chiaro – ha aggiunto Boron - il cittadino, proprietario di un bene, ne è responsabile. Non possiamo più permettere che incuria o negligenza provochino danni alla città e ai padovani. Questo sarà il metodo che adotteremo per sanare tutte le aree presenti in città, circa una dozzina, dove insistono campi nomadi totalmente abusivi".

SAIA. Sulla stessa linea l’assessore alla Sicurezza Maurizio Saia, che conferma l’impegno della polizia locale per "ripristinare la legalità in tutte quelle aree abusivamente occupate che diventano luoghi di spaccio, di degrado e di rifugio per clandestini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento