menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'interno del laboratorio a San Martino di Lupari

L'interno del laboratorio a San Martino di Lupari

Lavoro nero nel laboratorio cinese: sospesa l'attività e maxi multa

Ieri pomeriggio il blitz della Guardia di Finanza di Cittadella in un anonimo capannone a San Martino di Lupari. 4 i lavoratori risultati non in regola. Rilevate anche condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza a livelli minimi

Sospensione dell'attività e una maxi multa. Questo l'esito del blitz di ieri pomeriggio della Guardia di Finanza di Cittadella in un anonimo capannone a San Martino di Lupari dove sono stati trovati dei lavoratori in nero.

LE IRREGOLARITÀ. All'interno un vero e proprio laboratorio cinese dedito al confezionamento e alla produzione di magliette. Gli uomini delle fiamme gialle, guidati dal capitano Giuseppe Perrone, hanno riscontrato che la titolare, una 39enne cinese, non aveva provveduto a regolarizzare la posizione, ai fini della legislazione sul lavoro, di quattro connazionali provenienti dal sud est asiatico.

LE CONDIZIONI DI LAVORO. Inoltre, i militari hanno rilevato condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza lavorativa a livelli minimi, rinvenendo anche quattro piccolissime camere da letto delimitate, rispetto all’ambiente lavorativo, da sottili pareti costruite, dove i lavoratori riposavano per poi riprendere la lavorazione. Su questa situazione, i finanzieri invieranno comunicazioni agli organi competenti perchè prendano a loro volta provvedimenti, come il Comune e lo Spisal.

MULTA E SOSPENSIONE. Dato che il numero dei lavoratori “in nero” sorpresi è risultato superiore al 20% di quelli regolarmente assunti - in realtà il 100% di quelli trovati al lavoro nel momento del blitz sui 7 totali presenti nel capannone - la Finanza ha provveduto, di concerto con il personale della Direzione territoriale del lavoro di Padova, sia a comminare una maxi-multa che alla sospensione dell’attività lavorativa. 1.500 euro di sanzione scattano infatti in automatico quando si supera il 20% di lavoratori irregolari sul totale, dopodichè sarà la Direzione territoriale del Lavoro di Padova a comminare ulteriori multe per ogni lavoratore in nero. Per poter riprendere la propria attività, la titolare dovrà regolarmente assumere chi non era in regola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento