menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoro in Veneto: 7 tirocini su 10 si trasformano in un contratto, le linee guida

L'assessore Donazzan: "Un dato lusinghiero, certificato dalla banca dati di Veneto Lavoro, che conferma la validità di questo strumento per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro"

“Sette tirocini su 10 attivati in Veneto si sono trasformati in contratti di lavoro nell’ultimo anno. Un dato estremamente lusinghiero, certificato dalla banca dati di Veneto Lavoro, che conferma la validità di questo strumento per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro”. Lo sottolinea Elena Donazzan, assessore alle politiche per la formazione e il lavoro della Regione Veneto che giovedì ha presieduto la commissione regionale di concertazione tra le parti sociali per le linee guida in materia di applicazione di questo istituto.

LE LINEE GUIDA.

Le nuove linee guida regionali in materia di tirocini modificano la normativa vigente, secondo le indicazioni della conferenza stato regioni del 25 maggio 2017. “Il testo – osserva l’assessore - è frutto di un lungo lavoro di concertazione tra tutti soggetti del territorio, coinvolti a vario titolo in questa misura di politica attiva del lavoro. La regione del Veneto si è fortemente impegnata per rispettare il termine di sei mesi dettato dalla conferenza per l’adeguamento delle modifiche delle regolamentazioni regionali e rendere così operativo l’utilizzo di questo strumento contrattuale”.

MERCATO DEL LAVORO.

“Non si tratta di un mero recepimento – precisa l’assessore - ma di una traduzione dei contenuti delle Linee guida nazionali che tiene conto del contesto imprenditoriale e del mercato del lavoro del Veneto. Gli assi portanti sono la qualificazione dello strumento del tirocinio, e nel contempo, l’introduzione di un sistema sanzionatorio che scoraggi situazioni di abuso o di utilizzo distorto di una preziosa opportunità per i giovani, e non solo”. La commissione regionale di concertazione tra le parti sociali ha pertanto cercato di fare sintesi tra le esigenze dei datori di lavoro, che hanno la necessità di sperimentare le potenzialità dei futuri lavoratori, e dei tirocinanti, siano essi giovani o soggetti svantaggiati, che hanno diritto a un’esperienza in situazione lavorativa rispettosa delle norme e dell’esigenza formativa propria del tirocinio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento