Cronaca

Il Comune nega la sala alla libreria Niente lettura dei libri "gender"

Agli organizzatori dell'evento, indetto per lunedì, nella sala Paladin di palazzo Moroni, è stata comunicata la revoca della concessione. L'incontro sui volumi censurati a Venezia era già stato annullato a settembre

La libreria Pel di Carota e il sindaco di Padova Massimo Bitonci

La storia si ripete. Era inizio settembre, quando la libreria per ragazzi "Pel di carota" di Padova decise di annullare la lettura dei libri, cosiddetti "gender", censurati a Venezia. Quella volta, l'evento venne cancellato dagli organizzatori, che decisero di non voler dare seguito alle polemiche in merito, da cui non si era astenuto neppure il sindaco leghista Massimo Bitonci. A più di un mese di distanza, la libreria aveva deciso di riprovarci, indicendo un secondo incontro, previsto per lunedì 19 ottobre, alle 18, nella sala Paladin di palazzo Moroni.

NEGATA LA SALA AI LIBRI "GENDER". Ebbene, martedì mattina, il Comune ha comunicato ai promotori dell'iniziativa la revoca della concessione dell'utilizzo della sala per la lettura di 21 dei 49 albi "veneziani". "La nostra libreria non avrebbe 'dettagliatamente presentato' il programma", scrivono sulla pagina Facebook di "Pel di carota", gli organizzatori, riportando la richiesta ufficiale spedita al Gabinetto del Sindaco, in data 18 settembre 2015, nella quale si specificavano le motivazioni dell'istanza.

BITONCI. Dal canto suo, il sindaco ha ribadito come, la settimana scorsa, il consiglio comunale abbia approvato una mozione "che impegna me e la giunta a non promuovere la cosiddetta teoria gender. Non capisco il motivo per cui queste persone insistono - conclude - si cerchino uno spazio privato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune nega la sala alla libreria Niente lettura dei libri "gender"

PadovaOggi è in caricamento