Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

A Limena una mozione contro la teoria del gender, Zan: "Una truffa"

Approvata, mercoledì sera, dal consiglio comunale, con 9 voti a favore e 3 contrari. "Un atto intriso di falsità - ha commentato il deputato del Pd - parlerà alla Giannini perché veda se ricorrerere alla vie legali"

Mercoledì sera, il consiglio comunale di Limena ha approvato, con 9 voti a favore e 3 contrari, una mozione a sostegno della famiglia naturale e contro la teoria del gender.

ZAN. "Un atto intriso di falsità e pregiudizi, una vera e propria truffa nei riguardi dei cittadini e delle loro famiglie - commenta Alessandro Zan, deputato padovano del Partito Democratico e attivista per i diritti civili - una mozione in cui si tirano in ballo in una sorta di tritacarne le unioni civili, la legge contro l'omofobia e, immancabilmente, l'inesistente teoria del gender, esprimendo paure infondate miste a critiche al ddl sulla Buona scuola, accusato di 'introdurre l'ideologia del gender nelle scuole'. Ho provveduto a segnalare la mozione al ministro Stefania Giannini - conclude il deputato Pd - affinché valuti se attivarsi, anche ricorrendo alle vie legali, perché sia tutelato il diritto di tutti i cittadini a una corretta informazione, non manipolata né filtrata da teorie omofobe degne della peggiore demagogia". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Limena una mozione contro la teoria del gender, Zan: "Una truffa"

PadovaOggi è in caricamento