Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

"Madre italiana sfrattata", blitz di Riva Destra e forconi a Cadoneghe

Gli attivisti hanno accompagnato in municipio Debora C., disoccupata da 2 anni, con un bambino piccolo di 7: "La domanda per una casa popolare è stata accolta ed è partita la pratica per l'assegnazione"

Il comune di Cadoneghe

Mercoledì mattina, a Cadoneghe, blitz di Riva Destra e del movimento dei "forconi", a sostegno di una madre italiana, Debora C., disoccupata da 2 anni, con un bambino piccolo di 7. Gli attivisti si sono radunati alle 9 per contestare lo sfratto esecutivo disposto nei confronti della donna e fissato per il 26 giugno prossimo.

BLITZ DI RIVA DESTRA E FORCONI. L'azione era stata annunciata il giorno precedente: "Il Comune non riconosce il suo stato di grave difficoltà per accesso emergenziale ad una casa popolare, per supposte burocrazie varie - aveva dichiarato Lorenzo Sartiè, coordinatore provinciale e commissario regionale di Riva Destra - tra l'altro - aveva aggiunto - il Comune stesso non vorrebbe rendere noto quanti saranno gli alloggi messi a disposizione nel bando che scadrà a settembre, pubblicando solo le graduatorie, dove, nei primi 20 posti, 7 sarebbero già riservati a cittadini stranieri".

DOMANDA ACCOLTA. Alle 9.30 di mercoledì, Debora C. è stata accompagnata da Sartiè, da Angelo Spano, coordinatore locale dei forconi, e da una decina di attivisti dei due movimenti, in municipio a Cadoneghe. "Sono rimasti basiti - commenta il coordinatore provinciale di Riva Destra - superato l'imbarazzo, la domanda per una casa popolare è stata accolta ed è partita la pratica per l'assegnazione, non solo: per la sua puntuale ed urgente definizione è stato accordato un appuntamento per discutere della questione con l'assistente sociale". Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri, ma tutto si è svolto pacificamente.

LA REPLICA DEL COMUNE. L’amministrazione comunale di Cadoneghe replica alle accuse di mancato interessamento. "Una concittadina ha chiesto un appuntamento con i nostri servizi sociali, come accade normalmente e senza alcuna dichiarazione di protesta - commenta il sindaco Michele Schiavo - Non è raro che, come in questo caso, la richiesta sia legata a problemi relativi a sfratti o morosità nel   pagamento di affitti. Il nostro personale interviene con la professionalità e la tempestività necessarie e diverse per ciascun caso. Nel colloquio fissato per i primi di maggio verrà quindi incontrata la signora e si cercherà di predisporre un progetto condiviso per affrontare la sua difficoltà. Il servizio sociale, ovviamente, può attivarsi solo dal momento in cui riceve una richiesta o una segnalazione. Per quanto riguarda il timore espresso dalla signora di essere separata dal proprio figlio, inoltre, è importante ricordare che le difficoltà economiche non sono certamente una ragione per spezzare una famiglia. Sono interventi molto dolorosi che, però, maturano in situazioni di rischio e pregiudizio che al minore possono derivare da un contesto familiare non idoneo. Altre situazioni, altre dinamiche".  "Comprendo le motivazioni della signora - interviene Augusta Parizzi, assessore al Sociale - ma tengo a precisare che, prima di ieri, non aveva evidenziato una condizione di emergenza abitativa, ma risulta in graduatoria per l’assegnazione di un alloggio Ater".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Madre italiana sfrattata", blitz di Riva Destra e forconi a Cadoneghe

PadovaOggi è in caricamento