rotate-mobile
Cronaca

Torna il maltempo in Veneto, diramata l'allerta rossa nel Padovano

Sulla propria pagina Facebook anche il vicesindaco Andrea Micalizzi ha diramato l'allerta: «Il bollettino di Protezione Civile annuncia nuovi temporali in arrivo a carattere di rovescio intenso tra questa notte e martedì»

«Le previsioni indicano l’arrivo di una nuova perturbazione che, date le piogge intense della scorsa settimana, richiede un’attenzione particolare in alcune zone del Veneto. I bollettini previsionali rilasciati dalle strutture tecniche segnalano un’allerta rossa in particolare nel basso Veronese, nella zona del Muson in provincia di Padova, nel Vicentino e il basso Sile. La macchina di allertamento si è riattivata a pieno regime e abbiamo messo in campo tutte le risorse necessarie, umane e tecniche, per far fronte agli effetti delle nuove piogge. Ci auguriamo che gli effetti possano essere comune limitati e che l’allarme possa rientrare, una volta superata quest’ulteriore fase di maltempo. Chiediamo comunque alle istituzioni locali e ai cittadini di prestare attenzione alle indicazioni e di monitorare, anche online nel sito dell’Arpav, le condizioni meteo previste e gli effetti al suolo»: lo dichiara Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto alla luce del nuovo avviso di criticità emesso dalla Protezione Civile regionale che decreta lo stato di allarme per criticità idrogeologica e idraulica rossa e arancione in specifiche aree, e al tempo stesso allerta gialla per temporali in tutta la Regione.

Maltempo

Per quanto riguarda il Padovano indicata allerta rossa per il bacino Basso Brenta-Bacchiglione e arancione per il bacino Basso Piave-Sile e bacino scolante in laguna. Aggiunge Zaia: «Dalla scorsa settimana l’assessore alla Protezione Civile non ha mai smesso di lavorare, riunendo l’Unità di Crisi, e restando sempre attivo con tutte le strutture regionali per le problematiche relative alle aree allagate e al ripristino dei danni. Ringrazio lui e tutti gli uomini e le donne che con qualsiasi ruolo e a qualunque titolo stanno lavorando per far sì che la macchina sia perfettamente in moto anche nell’eventualità, che non ci auguriamo, che si verifichino ancora delle criticità. I nostri bacini di laminazione sono quasi tutti vuoti. Confidiamo che il sistema di prevenzione sia sufficiente a far fronte agli eventi».

Andrea Micalizzi

Sulla propria pagina Facebook anche il vicesindaco Andrea Micalizzi ha diramato l'allerta: «Dalla mezzanotte quantitativi più significativi in arrivo da Emilia e Lombardia, mentred opo la mezzanotte i fenomeni più diffusi sempre a carattere di rovescio. Da domani pomeriggio dovremmo avere diradazioni dei fenomeni temporaleschi - scrive il vicesindco, che poi sui quantitativi precisa - .Ci saranno precipitazioni maggiori nelle zone prealpine e a nord. Questo significa che interesseranno il Bacchiglione, mentre per Padova è prevista una quantità complessiva minore, ma a carattere temporalesco. Quindi necessita attenzione perché i quantitativi localizzati nei temporali sono irregolari e quindi imprevedibili. Arpav riferisce che dovremo avere persistenze minori dell’altra volta, ma saranno ripetuti quindi tenere alta l’attenzione. L’instabilità rimarrà fino a giovedì e la criticità deriva dal fatto che i territori sono già stressati dagli eventi dei giorni scorsi. Il Genio Civile  ci ha informato che la situazione degli argini a tratti sarà difficile, con situazioni in cui si sta recuperando la situazione pregressa».

Provincia

Complicata soprattutto per il Muson e per il Frata Gorzone. Nella bassa sono impegnati in operazioni di pompaggio per asciugare campagna ancora allagate, mentre nell’alta i livelli si sono abbassati ma i terreni e gli argini assorbiti. In zona Selvazzano e Rubano non ci sono criticità e allagamenti, ma si presidiano argini. Sui Colli: da venerdì in città situazione pre temporale quindi tornata alla normalità. La criticità sta sullo stress pregresso e con arginatura assorbita. Quindi la criticità sta nella vicinanza dei due eventi: «Le previsioni difficili da fare su innalzamenti e fiumi - chiude Micalizzi - .Di sicuro grossi quantitativi da gestire unito al fatto che arriviamo da una emergenza precedente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna il maltempo in Veneto, diramata l'allerta rossa nel Padovano

PadovaOggi è in caricamento