menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Botte in famiglia, in carcere un 44enne tossicodipendente che picchiava la madre

Da tempo l'uomo se la prendeva con l'anziana signora che a giugno è finita in ospedale, facendo scattare la denuncia. In manette anche un 48enne di Codevigo per lo stesso reato

Il giudice con lui era stato chiaro: non doveva più avvicinarsi alla casa della madre e doveva farsi curare dai servizi sanitari. Come riportano i quotidiani locali, l’uomo è finito in carcere.

BOTTE E DROGA. La storia riguarda un tossicodipendente di Abano, che per anni ha picchiato e importunato la madre per ottenere i soldi che gli servivano per comprare la droga. La donna ha sempre nascosto le angherie che subiva dal figlio, fino allo scorso giugno, quando dopo l’ennesimo episodio è dovuta ricorrere al pronto soccorso e alle cure dei sanitari. In quel caso il 44enne aveva picchiato la donna, colpendola ripetutamente al volto e gettandola a terra. Il referto medico era stato spedito al Procura che aveva aperto un’inchiesta nei suoi confronti. Tra gli obblighi dell’uomo c’erano quelli di firmare ogni giorno nella stazione dei carabinieri e di restare distante dalla casa di famiglia.

UN ALTRO CASO. L’uomo, non ha nemmeno preso in considerazione l’idea di rispettare quanto scritto dal giudice e dopo qualche tempo è tornato di nuovo dalla madre: troppo grande il bisogno di soldi per comprare la droga, aggravando di fatto la sua posizione. Il giudice infatti ha disposto la custodia cautelare e con essa il trasferimento al carcere Due Palazzi. Un caso simile è avvenuto nelle scorse settimane anche a Codevigo: i carabinieri hanno arrestato con le accuse di maltrattamenti, violenza privata, lesioni personali ed estorsione il figlio 48enne di una signora anziana che veniva ripetutamente picchiata per ottenere i soldi per andare a bere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento