menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Genitori maltrattati, i domiciliari non placano le violenze: in carcere il figlio 21enne

Ha continuato a tormentare i parenti anche se era già recluso nella sua abitazione. Dopo l'ennesima denuncia è stato portato in galera con l'accusa di maltrattamenti ripetuti

Nono sono bastati gli arresti domiciliari per mettere un freno alla sua aggressività, che ormai da tempo sfogava sui familiari con azioni violente. Ora per lui si sono aperte le porte del carcere, dove non potrà più avere contatti con le sue vittime.

Il calvario della famiglia

Protagonista della triste storia di abusi in famiglia un 21enne nato ad Abano Terme ma residente a Padova, già conosciuto alle forze dell'ordine per diversi episodi di violenze nei confronti dei genitori. Insulti, minacce, strattoni che si ripetevano ormai quotidianamente avevano portato i carabinieri sulle sue tracce, dopo aver raccolto le segnalazioni disperate dei parenti. Le prime indagini avevano confermato la pericolosità del ragazzo, che era stato arrestato e messo ai domiciliari nella sua residenza padovana.

Dietro le sbarre

Nonostante la misura restrittiva il giovane ha continuato a dare il tormento ai familiari, in una escalation di violenza che li ha costretti a rivolgersi nuovamente ai militari di Prato della Valle. Dopo altri accertamenti, la decisione di inasprire la pena: ieri la notifica di carcerazione e il trasferimento del 21enne al Due Palazzi, dove non potrà più nuocere ai genitori e dovrà rispondere dell'accusa di maltrattamenti in famiglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento