rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Picchia la figlia "troppo occidentale": ai domiciliari, evade per perseguitare la moglie

Già condannato a due anni e 8 mesi per i maltrattamenti perpetrati nei confronti di moglie e figlia, mercoledì è evaso per dare il tormento alla compagna

Nel febbraio del 2014 picchiò la figlia 14enne in pieno centro a Padova dopo che la giovane che aveva chiamato a casa per riferire che si sarebbe fermata con i compagni di scuola in seguito a uno sciopero che aveva anticipato l'uscita dall'istituto. Il genitore si era presentato tutto furibondo al cospetto della figlia e dei suoi amici, strattonandola, spingendola a terra e riempendola di offese, al punto da urlarle che, piuttosto di vederla trasformarsi all'occidentale, sarebbe anche finito in prigione, quindi disposto a tutto. Episodio che portò A.S., marocchino, all'epoca dei fatti 54enne, agli arresti domiciliari e al divieto di avvicinamento alla giovane.

EVASIONE. Martedì, A.S. è evaso dai domiciliari per dare il tormento alla moglie, una 40enne marocchina. I poliziotti l'hanno dunque arrestato e portato in carcere. Non era la prima volta che che si presentava sotto casa o che la pedinava. Atteggiamenti che avevano portato la donna a denunciarlo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la figlia "troppo occidentale": ai domiciliari, evade per perseguitare la moglie

PadovaOggi è in caricamento