Marito violento massacra la moglie: soccorsa in strada col figlioletto. É la seconda volta

Arresto immediato per il 44enne che già l'8 marzo aveva aggredito la compagna. Ora è tornato alla carica picchiandola e minacciandola con un coltello davanti al bimbo

Non è bastato l'ammonimento del questore: a tre mesi dal pestaggio che gli aveva procurato una denuncia per maltrattamenti in famiglia, un 44enne nepalese ci è ricascato e stavolta è finito dietro le sbarre.

Il precedente

Il primo, tragico, episodio l'8 marzo. Quella notte l'uomo è rientrato nell'appartamento dell'Arcella dove viveva con la moglie, connazionale, e il figlioletto. Ubriaco dopo diverse ore passate alla sala Bingo, un futile diverbio era bastato per fargli picchiare selvaggiamente la compagna con una scarpa davanti al bimbo. La donna, disperata, si è rifugiata da una vicina e ha chiamato la polizia, per poi essere affidata alle cure dei sanitari. Nonostante le ferite procurate alla moglie, l'uomo non era stato arrestato perchè fino a quel momento era incensurato.

Recidivo

Era partita una denuncia, la moglie e il piccolo si erano trasferiti, il questore aveva inviato un avviso di ammonimento al nepalese. Tutto inutile. In breve tempo la situazione è tornata quella di prima, con la famiglia riunita sotto lo stesso tetto e il 44enne ancora affezionato al gioco d'azzardo e agli alcolici. Fino alle 2.40 della notte tra domenica e lunedì, quando la compagna è stata costretta a un'altra precipitosa fuga.

Il pestaggio

A trovarla nel parcheggio del supermercato Pam della zona San Carlo, atterrita e con il figlioletto in braccio, gli agenti di una volante in servizio. Tranquillizzata, la donna ha raccontato di come il suo calvario fosse ricominciato. Quella sera il marito era rientrato ubriaco e lei aveva osato chiedere dei soldi per acquistare alcuni articoli per il bambino, scatenando l'ira del compagno. L'aveva presa per i capelli e riempita di pugni al volto, per poi trascinarla in cucina e minacciarla con un coltello. La donna era riuscita a scappare in strada in cerca di aiuto ma a quell'ora nessuno l'aveva soccorsa fino all'arrivo della polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I soccorsi e l'arresto

Provata fisicamente e mentalmente, la nepalese è stata accompagnata all'ospedale dove è stata trattenuta in attesa di una diagnosi precisa. L'uomo invece è stato prelevato dalla sua abitazione, arrestato e portato al Due Palazzi con l'accusa di maltrattamenti e minacce aggravate dall'utilizzo dell'arma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Coronavirus, Navalesi: «In Veneto il virus è clinicamente morto, oggi il problema è sotto controllo»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

  • Live - Sangue sulle strade. Arrestato l'ex vicepresidente del Padova. Rogo sui Colli

Torna su
PadovaOggi è in caricamento