menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltrattamenti, molestie, stalking Sempre più donne che denunciano

Secondo i dati della polizia municipale, in questo 2013 sono aumentate le vittime di violenze che si rivolgono agli uffici deputati di via Liberi, magari tramite il passaparola di amiche, per chiedere aiuto

Donne vittime di violenza, i dati padovani non sono incoraggianti. Rispetto al 2012 c'è stato un aumento di denunce presentate e già ora queste superano il dato dell'intero 2012, segno che è aumentata la fiducia verso la polizia municipale da parte delle vittime di violenza. Il corpo locale è impegnato sul fronte con un gruppo di agenti e da un vice commissario del reparto di polizia giudiziaria di via Liberi. Spesso le vittime si presentano direttamente negli uffici grazie ad una sorta di passaparola di chi in precedenza aveva già segnalato la propria situazione.

VIOLENZA SULLE DONNE E STALKING: Corso mirato per la polizia locale

QUEST'ANNO. Questo il bilancio: nei primi 10 mesi del 2013 le situazioni di maltrattamento-stalking-molestia di cui si sono occupati i vigili sono state 40 e hanno riguardato 36 maggiorenni e 4 minorenni; di queste 22 sono donne italiane e 18 straniere. In 15 casi si è potuto procedere, nelle altre situazioni si è in attesa delle decisione perché è necessario che la vittima sia in sicurezza o abbia maturato la convinzione di voler procedere. Di questi 15 la casistica è così suddivisa: 5 donne straniere maltrattate dal compagno anch'esso straniero (identica provenienza geografica) e 1 donna italiana maltrattata dal compagno straniero; 3 donne hanno subito stalking da parte di 2 uomini italiani e da un giovanissimo ragazzo straniero, ospite di una comunità di accoglienza; due donne straniere sono state molestate da uomo italiano. Tre denunce riguardano situazioni di pregiudizio per minori che in un solo caso era un minore italiano.

CHI DENUNCIA. Per quanto riguarda l'attività svolta nel 2013, il dato che per primo colpisce riguarda le modalità di contatto: se la vittima delle violenze è una donna italiana, nella quasi totalità dei casi, è la stessa vittima che si presenta direttamente alla polizia (60%) o si è già rivolta al Centro Antiviolenza e ad altri uffici comunali (40%). Se la vittima di violenze è una donna straniera invece, solo nel 20% dei casi si presenta direttamente alla Polizia e la richiesta arriva su segnalazione di altri uffici comunali o del Centro Antiviolenza (50%) o di colleghi in divisa (5%) mentre interessanti sono le segnalazioni ad opera di amiche o parenti o colleghe di lavoro (20% circa), un modo che è praticamente inesistente per le donne italiane. Come capita non di rado nelle storie di violenza di genere le vittime sono in gran parte donne extracomiunitarie, che trovano però la forza di denunciare il colpevole. Gli stranieri provengono dal nord e dal centro Africa e dall'est Europa. Queste donne nel nostro paese trovano motivo di emancipazione e rifiutano rapporti basati sulla prevalenza/prevaricazione di un sesso sull'altro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento