Maltrattamenti in famiglia, aumentano i casi nel Padovano: l'identikit di vittime e carnefici

L'Arma dei carabinieri diffonde un bilancio dei reati tra le mura domestiche tra gennaio e agosto 2018 confrontati con l'anno precedente e presenta il progetto “Una stanza per te”

L'analisi pubblicata dai carabinieri offre uno spaccato delle realtà familiari nella provincia euganea. Rispetto al 2017, i maltrattamenti sono cresciuti soprattutto nell'Alta e il violento corrisponde al maschio italiano di mezza età.

Le pagelle: dati stabili, preoccupa l'Alta

Numeri alla mano, tra gennaio e agosto 2018 gli episodi di maltrattamento tra le mura domestiche che hanno richiesto l'intervento dei militari in provincia sono lievitati: 94 rispetto ai 78 dell'anno precedente. Maglia nera a Padova e prima periferia (con 35 casi nel 2017 e 36 nel 2018), seguita dalle Terme (27 in entrambi gli anni), dall'Alta (9 e 25) e dall'Estense (5 e 4). Piazza d'onore al Piovese, con 2 soli casi in ciascun anno. Sebbene il maggior numero di reati si registri nel capoluogo, preoccupano i numeri nell'Alta Padovana dove gli episodi sono quasi triplicati, mentre nelle altre zone il dato resta fisso.

Chi maltratta e chi subisce

La sorpresa sta nel ritratto di vittime e carnefici: la maggior parte dei maltrattamenti è compiuta da cittadini italiani maschi fra 35 e 55 anni (55 nel 2018 contro i 30 commessi da stranieri). Solo nel Piovese e a Padova il dato è invertito, anche se di poco. Le vittime invece sono prevalentemente donne conviventi (mogli, compagne, fidanzate), genitori anziani e minori, speso coinvolti in dissidi tra i parenti.

I casi eclatanti

21 gli arresti nei primi 8 mesi dell'anno, rispetto ai 13 del precedente, come pure sono aumentate le denunce. 4 gli episodi più emblematici registrati negli ultimi due mesi, con l'arresto di due uomini italiani, un romeno e una donna padovana. Il 22 giugno è finito in carcere un 44enne di Monselice che picchiava la moglie 23enne e la stessa sorte è toccata a luglio a un 50enne di Carmignano che si accaniva sulla compagna e la figlia 17enne di lei. Sempre a Carmignano è stata arrestata l'1 luglio una 65enne scoperta durante l'ennesimo pestaggio ai danni della madre 91enne, ricoverata e morta in ospedale la scorsa settimana. L'ultimo episodio risale all'11 agosto quando a Vigodarzere un 48enne romeno ha mandato all'ospedale la moglie e aggredito i carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una stanza d'ascolto dedicata alle vittime

Nei casi gravi si può disporre l'allontanamento da casa del violento o il divieto di avvicinamento, come successo 25 volte da inizio anno. Le vittime possono anche essere ospitate in strutture protette o affidate ai servizi sociali. Per sottolineare la vicinanza dei carabinieri al tema dei maltrattamenti in famiglia, al comando provinciale di Padova è attiva una convenzione con l'associazione Soroptimist. Nell'ambito del progetto “Una stanza per te” è stato creato uno spazio aperto a chiunque si ritenga vittima di violenza, dove si posso trovare militari esperti pronti a offrire consigli e supporto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Gli cade addosso la fresatrice mentre la carica con un muletto: muore imprenditore

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi che tornano a salire

Torna su
PadovaOggi è in caricamento