rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Riviere / Corso Milano

Corteo di commercianti per il parcheggio Prandina: «È come la linea del Piave, non arretriamo»

Mille posti alla Prandina. Lo slogan principe della manifestazione contiene la richiesta del mondo del commercio: un grande parcheggio a ridosso del centro per portare più persone tra le piazze, migliorando la viabilità delle vie centrali

Una cinquantina di persone circa, tra commercianti e non, hanno aderito alla manifestazione indetta dall’Associazione commercianti del centro per chiedere che vengano realizzati mille posti alla Prandina.

Intorno alle 12.30 di martedì 3 agosto hanno cominciato a radunarsi i manifestanti di fronte all’entrata di parco Cavalleggeri, su corso Milano, sotto l’occhio attento di polizia e vigili urbani. Da lì è partito un piccolo corteo che ha bloccato per una ventina di minuti la rotonda che collega via Volturno con corso Milano, fermando autobus e vetture.

Poi i manifestanti si sono diretti su via Orsini e sono rientrati nell’attuale parcheggio Prandina che conta ora 250 posti. «È una richiesta che fa la cittadinanza, non solo i commercianti – dice Massimiliano Pellizzari, presidente dell’Acc – Se qui costruiamo un grande parcheggio si tolgono auto dal centro storico. Parchi ne abbiamo: c’è il Cavalleggeri, i Giardini dell’Arena e a breve avremo 250 mila metri quadri di parco al Boschetti. Questa per noi è come la linea del Piave, non arretriamo».

Patrizio Bertin, presidente di Ascom, non era presente alla manifestazione ma in una nota ha dato il proprio sostegno: «Le previsioni di incremento del turismo collegate all’inserimento di Padova Urbs Picta tra i siti Unesco male si combina con un’offerta di parcheggi largamente insufficiente e vittima di un ostracismo ideologico nei confronti delle vetture». Tra i manifestanti anche l'ex presidente dell'Ater, Gianluca Zaramella. 

Schermata 2021-08-03 alle 15.57.06-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corteo di commercianti per il parcheggio Prandina: «È come la linea del Piave, non arretriamo»

PadovaOggi è in caricamento