rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Mediolanum e la mostra a piazzetta Bussolin: "Il degrado? Sconfitto con le opere d'arte"

Elemento determinante per il recupero di quest'area che era diventato un luogo di degrado consolidato è stata l'introduzione di qualcosa che assolutamente mancava: la bellezza

L'idea di Ennio Doris di aprire le sedi della banca che ha fondato in luoghi che non siano centrali alle città ma in zone abbandonate, se a suo tempo poteva sembrare un'idea azzardata, oggi conferma la bontà con l'esempio di Padova. Se si pensa a cosa era piazzetta Bussolin giusto qualche anno fa, oggi è un luogo totalmente trasformato, frequentato e vissuto. Determinante per il recupero di quest'area che era un luogo di degrado consolidato è stata l'introduzione di qualcosa che assolutamente mancava: la bellezza e l'arte.

Verso la mostra

Il gigantesco murales di Tony Gallo è stato il primo tassello, poi via via l'arrivo di altre opere e l'installazione luminosa permanente che completa il tutto e occupa tutta la facciata della sede che da sulla piazza, curata da Marco Nereo Rotelli. È qui, in questa piazza, che venerdì sarà inaugurata la mostra alla Mediolanuma Art Gallery. Detto che la mostra è di assoluto livello per tutti gli appassionati di arte moderna, occasione straordinaria per questi stessi appassionati potrebbe essere anche quella di visitare gli spazi della banca. Una esperienza unica, ci sono opere che neppure in museo, che per ovvi motivi non può essere aperto liberamente al pubblico, anche se, come ci viene spiegato, in alcune circostanze molto particolari, accade.

Immersi nell'arte

Ci introduce in questa speciale visita il dott. Cesare Böther Picecco, group manager Mediolanum. Salendo al primo piano incontriamo sempre più opere, tutte assolutamente originali. Si va da Roy Lichtenstein a Andy Warhol, passando per i barattoli di "merda d'artista" di Piero Manzoni, il maestro della cosiddetta arte cinetica Alberto Biasi e tantissimi altri. Impossibile anche solo citare tutto quello che c'è perché non ci sono solo le opere appese alle pareti. 

La cigar room

Tra le tante cose soprendenti "Una cigar room dove i clienti possono fare riunioni e affari assaporando i migliori sigari del mondo abbinati a liquori all'atezza. A Milano ce n'era una chiusa da qualche anno e noi abbiamo acquisito l'immobile. Come potete vedere ci sono i compartimenti dei vari clienti di quel locale: Luciano Pavarotti di Luciano Benetton e altre personalità che avevano accesso a questa luogo molto esclusivo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mediolanum e la mostra a piazzetta Bussolin: "Il degrado? Sconfitto con le opere d'arte"

PadovaOggi è in caricamento