La mensa di San Francesco non riaprirà, gli studenti chiedono chiarezza

"La chiusura fu scongiurata grazie alle richieste che come Studenti Per Udu Padova abbiamo portato avanti e alla nostra mobilitazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Riceviamo e pubblichiamo:

"Dopo una settimana in cui si era vociferato di una possibile chiusura della mensa San Francesco, giovedì 27 settembre ci è arrivata la conferma da parte del Direttore Generale dell'ESU, Ferrarese, che la mensa rimarrà chiusa da ottobre. Della chiusura della San Francesco si parla dall'estate del 2017, quando si prospettava di chiudere i cancelli per dei lavori di ristrutturazione e di riqualificazione edilizia, necessari per rendere a norma la struttura, senza però offrire una valida alternativa agli oltre mille studenti che giornalmente la frequentano. La chiusura fu scongiurata grazie alle richieste che come Studenti Per Udu Padova abbiamo portato avanti e alla nostra mobilitazione".

Piano di progettazione

"Ciò che ad oggi ci troviamo a dover ricordare è che lo scorso luglio avevamo incontrato i dirigenti dell'ESU, i quali ci assicurarono che l'1 ottobre la mensa avrebbe riaperto regolarmente e che il piano di progettazione partecipata per la mensa San Francesco sarebbe partito non prima di sei mesi/un anno dalla riapertura. Questo piano di progettazione partecipata aveva l’obiettivo di progettare insieme anche alla componente studentesca, attraverso dei focus groups, una nuova idea di mensa che – oltre al servizio ristoro – potesse rimanere aperta tutto il giorno offrendo agli studenti uno spazio aperto e vivibile, come avviene già in molte città europee oltre a lavori di rinnovamento per tutta la struttura per i quali i fondi erano già disponibili. Progetto pregevole, ma anche in quell'occasione come Studenti Per Udu Padova avevamo ribadito quanto fosse fondamentale pensare ad una valida alternativa per garantire il servizio mensa durante tutto il periodo dei lavori e che la soluzione di dirottare gli studenti alla mensa Piovego non fosse sostenibile. Nonostante ciò, ieri siamo stati informati che la mensa rimarrà chiusa perché i permessi necessari per tenerla aperta quest'anno non verranno rinnovati e perché la Regione Veneto ha fatto pressione per iniziare i lavori di ristrutturazione tassativamente entro l'1 ottobre". 

"Risposta chiara"

"A questa situazione va data una risposta chiara. Per questo lunedì prossimo, con tutte le rappresentanze studentesche, andremo a parlare col Direttore Generale dell'Esu, chiedendo maggiori informazioni e cercando di trovare soluzioni concrete che non siano quella di far confluire gli studenti (ma anche ricercatori e PTA) verso altre mense già stracolme. "L'ESU e la Regione non hanno mantenuto ciò che ci era stato detto negli ultimi incontri, andando a chiudere senza preavviso una mensa fondamentale per gli studenti del centro e senza darne nessuna informazione. Inoltre non sono stati consultati gli studenti per trovare una vera soluzione per gli anni di chiusura come avevamo più volete richiesto. I ticket mensa non possono essere una soluzione, si lavori fin da subito per garantire il servizio mensa funzionale al diritto allo studio per gli oltre mille studenti al giorno che frequentavano la mensa San Francesco" dichiara Nicolò Silvoni, rappresentante di Studenti Per Udu Padova nel Consiglio d'Amministrazione dell'ESU".

"Scarsa volontà politica"

"La Regione ha già mostrato una scarsa volontà politica di intervenire sul turn over del personale delle mense con un adatto piano di assunzioni, la qual cosa rimane sospetta" - continua Silvoni - "In più si dimostra assolutamente disinteressata alla garanzia di un servizio che è necessario per gli studenti del centro di Padova. Ultimatum stringenti e mancanza di volontà di trovare una soluzione alternativa alla chiusura della mensa, sono chiari segnali di ciò. Dalle avventure della Regione, un ulteriore appuntamento di guerra al Diritto allo Studio".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento