menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Microchip per dialogare coi neuroni e curare epilessia e Parkinson

Si tratta di un ago elettronico impiantabile nel cervello capace di registrare l'attività neuronale ma anche di stimolarla. La ricerca europea su questa nuova tecnologia è coordinata dal professor Stefano Vassanelli, neurofisiologo dell'Università di Padova

Un microchip a forma di ago la cui innovativa tecnologia, impiantabile nel cervello e in grado di comunicare con i neuroni cerebrali - registrandone le funzioni e anche stimolandoli - potrà essere applicata in futuro per creare neuroprotesi "intelligenti" utili, ad esempio, per la terapia di malattie neurologiche, tra cui il Parkinson e l'epilessia.

LA RICERCA. Quest'ago elettronico è stato realizzato da un consorzio europeo tra scienziati italiani, israeliani e tedeschi coordinato dal professor Stefano Vassanelli, neurofisiologo al dipartimento di Scienze biomediche dell'Universitàdi Padova. La ricerca, condotta nell'ambito del progetto CyberRat finanziato dalla Comunità europea, si è avvalsa di avanzate tecnologie al silicio.

IL MICROCHIP. Realizzato con un rivestimento di diossido di titanio di spessore nanometrico ottenuto mediante speciali procedure di deposizione, il microchip garantisce un'alta biocompatibilità. Grazie a sensori e attuatori di dimensioni micrometriche integrati, è stato possibile registrare l'attività di grandi popolazioni di neuroni in varie regioni cerebrali con una risoluzione di soli dieci micrometri.

RICERCA PADOVANA: TUTTE LE ULTIME SCOPERTE PIÙ ECCEZIONALI

GRANDI POTENZIALITÀ. "Oltre a raggiungere per la prima volta una risoluzione così elevata - spiega il professor Vassanelli - la tecnica ha consentito di stabilire con i neuroni una comunicazione bi-direzionale: da cervello a chip, registrando l'attività neuronale, e da chip a cervello, stimolandola. La nuova tecnologia sviluppata con CyberRat - aggiunge - rappresenta la base di partenza per lo sviluppo di nuovi sofisticati strumenti sperimentali utili a capire come le reti complesse che i neuroni creano nel cervello interconnettendosi sono in grado di elaborare le informazioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento