menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bitonci e il "fronte del no"

Bitonci e il "fronte del no"

Accoglienza, forte il fronte del "no" Bitonci: "Il prefetto si dimetta"

Sono 27 i sindaci capitanati dal primo cittadino di Padova Massimo Bitonci che si sono riuniti per dire basta all'arrivo di altri migranti: "Manca un vero piano di accoglienza. La Prandina doveva essere libera il 2 settembre"

"Risorse agli sgoccioli, comprese quelle immobiliari, migranti già in numero elevato e spesso ospitati in aree al limite delle norme di sicurezza e in condizioni igienico-sanitarie del tutto precarie. In più: manca un vero e proprio piano di accoglienza per persone che, seppur e forse proprio perchè ospitate in questo modo, non sono ancora integrate".

FIRMATARI. Sono alcuni dei punti cardine del documento firmato dai 27 sindaci e 40 consiglieri comunali del Padovano, "in rappresentanza - come dice il primo cittadino di Padova Massimo Bitonci, leader del 'gruppo' - della maggioranza dei cittadini della provincia di Padova, che sono con noi contro i clandestini per dire 'prima i nostri cittadini'". Il fronte del "no" si è riunito lunedì. Tra gli altri hanno firmato i sindaci di Cittadella, Montagnana, Mestrino e Fontaniva. Nel pomeriggio, si riuniranno, invece, i primi cittadini che ancora sono favorevoli ad ospitare altri migranti.

DIMISSIONI PREFETTO. Massimo Bitonci, al termine dell'incontro, ha chiesto a gran voce anche le dimissioni del Prefetto di Padova Impresa: "Chiedo le sue dimissioni perchè mai mi ha informato sui continui arrivi di clandestini e aveva promesso di liberare la Prandina entro il 2 settembre! ?#‎viadapadova?".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento