rotate-mobile
Cronaca Noventa Padovana

Multa da 1700 euro per le minacce al datore di lavoro della sorella

Condannato a una sanzione pecuniaria il 34enne Alessio G. per le intimidazioni all'ex titolare della gelateria di Noventa Padovana dove lavorava la sorella. La ragazza aveva riferito di aver subito molestie sessuali

La sorella gli aveva raccontato di essere stata molestata dal datore di lavoro, e lui non ci ha pensato due volte prima di picchiarlo e minacciarlo. Le intimidazioni sono costate 1700 euro di multa ad Alessio G., 34 anni, fratello della ragazza, che, condannato per minacce, è stato assolto invece dalle accuse di lesioni e ingiurie. Come riporta Il Mattino di Padova, si conclude così la prima battaglia legale fra la famiglia della ragazza, E.G., 26 anni, e il suo ex datore di lavoro, Dario S., 50 anni, all'epoca dei fatti titolare della gelateria "Voglia di Gelato" di Noventa Padovana, dove la giovane dipendente avrebbe subito le pesanti avance del suo capo, che ora dovrà rispondere di molestie sessuali.

LA VICENDA. I fatti risalgono al 2006, quando la ragazza inizia a lavorare in gelateria nei fine settimana. Qui, dopo un po' di tempo, la studentessa riferisce dell'atteggiamento molesto del datore di lavoro: carezze sulle spalle e sul collo, strusciamenti e attenzioni sempre più invasive, fino a quando lei decide di raccontare tutto al fratello, che una sera la accompagna al lavoro. Dopo aver assistito alle scene descritte dalla sorella, il ragazzo perde la testa e, nonostante i tentativi della sorella di fermarlo, si avventa sul titolare del negozio procurandogli tre giorni di prognosi e minacciandolo di mandargli qualcuno a incendiare il locale. Tre giorni dopo il 50enne - che è ora titolare della pasticceria "Dolci tentazioni" di Camponogara - sporge querela. L'esito è una sanzione da 1700 euro comminata al fratello della giovane, che ora attende la sentenza della Corte di appello di Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multa da 1700 euro per le minacce al datore di lavoro della sorella

PadovaOggi è in caricamento