menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ministro Marco Minniti ieri a Padova (foto: Facebook)

Il ministro Marco Minniti ieri a Padova (foto: Facebook)

Minniti, l'impegno del ministro: "Chiudere i grandi centri per favorire accoglienza diffusa"

Il numero uno degli affari Interni è arrivato nella città del Santo per sostenere la candidatura di Sergio Giordani. Inevitabile l'intervento sulla questione profughi

"Chiudere tutti i grandi centri di accoglienza per i migranti, compreso quello padovano di Bagnoli". È l'impegno assunto venerdì sera a Padova dal ministro dell'Interno Marco Minniti, durante un incontro elettorale a sostegno del candidato sindaco Sergio Giordani. Visita che non ha ricevuto la migliore accoglienza. Giovedì notte alcuni malviventi mandato in frantumi la vetrina della sede del Pd di piazzetta Forcellini e per terra hanno anche scritto con della vernice spray rossa "Minniti boia". A questo si è aggiunto il sit-in di protesta indetto da Padova Accoglie.

CATTIVI MAESTRI. "Quando qualcuno dice che c'è un’equazione fra terrorismo e immigrazione non credetegli, sono dei cattivi maestri – ha spiegato Minniti - Invece c'è un rapporto fra terrorismo e mancata integrazione. Vogliamo lavorare per chiudere i grandi centri di accoglienza che non producono integrazione".

EUROPA. Poi una battuta sui 'complimenti' fatti all'Italia per la gestione del fenomeno: "ringrazierei di più e sarei più orgoglioso dell'Europa se almeno una delle navi straniere che intervengono nel Mediterraneo per le operazioni di salvataggio portasse i migranti in un altro porto e non nei porti italiani".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento