menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I giardini dell'Arena a Padova

I giardini dell'Arena a Padova

Minori violentate ai Giardini: lo spacciatore doveva sposarsi

Convalidato l'arresto in carcere per il tunisino 28enne accusato di aver stuprato e ceduto droga a due adolescenti vicentine che, per lo choc, avevano deciso di suicidarsi, poi però salvate dai carabinieri. Lo stupratore era in attesa di convolare a nozze con una 40enne italiana

Taher T. sarebbe dovuto convolare presto a nozze con una 40enne italiana. Per lo straniero si sarebbe quindi risolto a breve il problema della clandestinità.

ARRESTO CONVALIDATO. Progetto però che per il momento dovrà essere accantonato, visto che ieri il giudice del tribunale di Padova, Vincenzo Sgubbi, al termine dell'udienza di convalida dell'arresto ha disposto che il 28enne tunisino rimanga in carcere.

fermato-2REATI CONTESTATI. L'accusa di cui l'extracomunitario dovrà rispondere è di violenza sessuale e cessione di sostanze stupefacenti a due minorenni della provincia di Vicenza che, lo scorso venerdì pomeriggio, ai giardini dell'Arena di Padova hanno prima consumato droga con lui e poi sono state in vario modo molestate fino allo stupro per la minore delle due. Le giovani, per lo choc, avevano deciso di togliersi la vita tagliandosi le vene sull'argine del Piovego, ma sono state tratte in salvo dai carabinieri.


ENNESIMO ARRESTO. Questo non è che l'ennesimo arresto collezionato dal tunisino. L'ultima volta, appena un mese fa ad ottobre, per spaccio di droga. Ad eseguire l'arresto erano stati i carabinieri di Padova, ma nonostante il pubblico ministero avesse chiesto la custodia cautelare in carcere, per lui il giudice decise il semplice obbligo di firma dai carabinieri di Prato della Valle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento