rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Mobilità sociale, gli studenti dell’Istituto "Pietro Scalcerle" di Padova in partenza in Ue

L'Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova sostiene la mobilità internazionale attraverso servizi informativi, di orientamento e di progettazione. Appuntamento martedì 6 giugno, alle 9.30, all'Auditorium del Centro Culturale Altinate San Gaetano

Martedì 6 giugno, alle 9.30, l’Auditorium del Centro Culturale Altinate San Gaetano ospita gli studenti dell’Istituto di istruzione superiore “Pietro Scalcerle” di Padova in prossimità della partenza per nove Paesi UE (Finlandia, Germania, Slovacchia, Polonia, Francia, Regno Unito, Spagna, Irlanda, Repubblica Ceca).

IL PROGETTO. L’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova sostiene la mobilità internazionale attraverso servizi informativi, di orientamento e di progettazione. Vanno ricordati, in particolar modo, lo sportello Eurodesk – di cui è agenzia locale – e l’area Spazio Europa, impegnata nell’accoglienza e nell’invio di giovani SVE (Servizio Volontario Europeo) e di scambi socio-culturali. Nell’ottica di una promozione e di un supporto concreto alla mobilità dei giovani, e nella costante partecipazione alle attività extracurricolari delle scuole superiori della città, l’ufficio del Settore Servizi Scolastici partecipa all’iniziativa che l’IIS Scalcerle realizza nell’ambito del programma Erasmus Plus, il programma di mobilità dell’UE per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport che finanzia borse di studio per studenti, insegnanti, formatori e apprendisti per studiare in un Paese estero, aiuta i giovani con età compresa tra i 13 e i 30 anni a studiare all’estero e fornisce agli studenti di master che intendono studiare in un altro Paese europeo un meccanismo di garanzia di prestito. Erasmus Plus si sviluppa su tre attività chiave, trasversali ai diversi settori: mobilità individuale ai fini dell’apprendimento, cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone prassi, sostegno alle riforme delle politiche.

L'ISTITUTO. Impegnato dai primi anni Novanta del ‘900 in progetti di mobilità, l'Istituto Pietro Scalcerle di Padova ha ottenuto la carta della mobilità dell'istruzione e della formazione professionale per aver coordinato tre progetti di mobilità nell'ultimo Bando Leonardo da Vinci (2007-13) e un progetto Erasmus Plus di partnership tra scuole nel 2014: risulta pertanto nell’elenco delle istituzioni scolastiche italiane “pilota” all’interno di questa esperienza. A dimostrazione della forte vocazione internazionale, l’Istituto non solo invia ma accoglie studenti provenienti da diverse nazioni europee (Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia, Francia, Finlandia) che svolgono periodi di tirocinio in loco. Per tutti gli studenti che svolgono i tirocini, la scuola predispone un programma di attività culturali da svolgere insieme agli studenti dell’IIS Scalcerle. Gli studenti italiani si propongono come guide per le visite in diversi luoghi di interesse storico sia a Padova che nelle province limitrofe (Venezia, Vicenza, Verona); in tal modo si favorisce l’integrazione e la conoscenza reciproca. Negli anni, si sono avviati altri progetti incentrati soprattutto sulla ricerca sperimentale e sullo studio e la messa in opera di esperienze didattiche innovative. Gli scambi più innovativi sono divenuti occasione di approfondimento di tematiche condivise tra diverse scuole europee. Tutti i docenti impegnati all’interno dell’Istituto hanno sviluppato competenze progettuali tese a raggiungere il fine specifico dell’istituzione scolastica, ossia l'attuazione del diritto allo studio degli studenti in un clima di libertà, solidarietà e rispetto della dignità umana. La capacità progettuale dei docenti diventa così un obiettivo privilegiato della formazione continua.

ENGAGED. Si è da poco concluso il progetto Engaged (ENtrepreneurship: a GAteway to a Growing Education Progetto n. 2015-1IT01-KA102-004365) che ha consentito a 115 studenti della scuola e di altre scuole padovane e di Vicenza di effettuare tirocini di 2 – 3 – 4 settimane all’estero. I ragazzi che avevano concluso la classe quarta dei due indirizzi (Tecnico e Liceo) hanno viaggiato in 9 Paesi europei facendo esperienze di lavoro o studio nelle più diverse realtà lavorative. La scuola attualmente sta organizzando la partenza di un gruppo di 112 studenti per un analogo progetto di alternanza scuola lavoro Erasmus+ denominato Nail it in Europe (Non formal And Informal Learning and International Training IN EUROPE 2016-1-IT01-KA116-004989), già finanziato per 105 mobilità, all’interno sempre di 9 Paesi dell’Unione Europea (Finlandia, Germania, Slovacchia, Polonia, Francia, Regno Unito, Spagna, Irlanda, Repubblica Ceca). Tra le varie destinazioni e tipologie di lavoro, quasi tutte già sperimentate e riconfermate nell’ambito del progetto attualmente in corso unitamente ad altri nuovi partner, vale la pena citarne alcune: il DETS, un laboratorio di analisi chimiche nel Nord dell’Inghilterra, l’Università Humboldt e la Freie Universität di Berlino; alberghi e uffici turistici nella località di Evian; il Beamish Museum vicino a Durham; scuole materne a Tampere in Finlandia e a Oberstdorf in Germania; negozi, scuole di lingue, attività commerciali e musei a Madrid, Benalmadena e Alicante in Spagna, Cork in Irlanda, nonché Portsmouth in Inghilterra.

STAGE ESTERO. Alcuni partner ospitanti collaborano con l’IIS Scalcerle fin dai tempi dei primi progetti europei, quindi c’è una collaborazione ventennale che consente di monitorare le attività lavorative e la qualità del tirocinio. I ragazzi fanno esperienza di autonomia anche nella gestione del loro tempo libero e del budget loro assegnato, sono guidati da un insegnante tutor per il primo periodo di soggiorno all’estero, ma poi condividono con i loro compagni scelte e decisioni trascorrendo un periodo di lavoro e gestione autonoma della propria vita in una nuova realtà culturale. L’esperienza dello stage all’estero alla fine della classe quarta è percepito ormai come una certezza dalla comunità scolastica ed è diventata una consuetudine che la scuola cerca di mantenere con l’impegno dello staff di insegnanti, della dirigenza e del personale amministrativo che collaborano insieme alla buona riuscita dei vari progetti. Gli studenti sono fonte di orgoglio per la Città di Padova: a loro è affidato anche il compito di rappresentarla in Europa. Durante la cerimonia del 6 giugno, i giovani riceveranno materiale turistico della città da consegnare ai loro ospiti europei.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità sociale, gli studenti dell’Istituto "Pietro Scalcerle" di Padova in partenza in Ue

PadovaOggi è in caricamento