menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il grattacielo incompiuto in zona industriale a Padova

Il grattacielo incompiuto in zona industriale a Padova

Grattacielo incompiuto in zona industriale, la situazione si sblocca: si va verso il completamento

La giunta comunale ha approvato una modifica della convenzione tra l’Amministrazione e la proprietà del grattacielo che da anni svetta incompiuto in Zona Industriale, lungo la tangenziale

E se venisse finalmente completato? Sembra impossibile, e invece la fiammella della speranza si riaccende a sorpresa: l'ormai (tristemente)  celebre grattacielo incompiuto in zona industriale a Padova potrebbe essere terminato.

Lo "spiraglio"

La Giunta comunale, infatti, nella giornata di martedì 4 dicembre ha approvato una modifica della convenzione tra l’Amministrazione e la proprietà del grattacielo che da anni svetta incompiuto in Zona Industriale, lungo la tangenziale. Il tema sarà affrontato prima mercoledì 5 dicembre in Commissione e poi in uno dei prossimi Consigli Comunali. Obiettivo è quello di permettere il completamento della struttura, eliminando così l’area di degrado che da anni insiste in zona, ampliando nel contempo i servizi offerti alle imprese insediate nella Zip.

La modifica

Più nel dettaglio, la delibera modifica (come richiesto dalla proprietà) un articolo della convenzione che era stata approvata nel 2004 e limitava le destinazioni d’uso dell’immobile, rispetto a quelle previste dal piano regolatore per l’area in questione. In pratica la proprietà si era impegnata 14 anni fa a realizzare nella torre solo uffici e a non suddividere l’unità immobiliare per almeno 10 anni. Condizioni che, alla luce anche del mercato attuale rendono difficilissimo il completamento dell’immobile e la sua messa sul mercato. Con la nuova convenzione la proprietà potrà sfruttare le normali destinazioni d’uso previste dal piano regolatore per l’area. Tra queste anche quella ricreativa e ricettiva,assieme a servizi telematici e informatici e uffici pubblici. Cade anche il divieto di suddivisione dell’unità immobiliare. Spiega l'assessore Antonio Bressa: «È un atto necessario per non tenerci a vita lo scheletro di un immobile ben visibile dalla tangenziale ed evitare di dover rispondereper vincoli troppo stretti rispetto agli altri immobili della stessa area. Sono state inoltre fatte tutte le verifiche rispetto alla legittima e piena disponibilità del bene da parte della società che ha avanzato la richiesta di modifica della convenzione.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento