rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Vescovana

Monossido di carbonio inalato durante il sonno: 30enne rischia di morire asfissiata

L'incidente si è verificato nella Bassa Padovana: sul posto i carabinieri di Borgo Veneto insieme ai pompieri e ai sanitari del Suem 118. La donne è ricoverata a Padova

Le esalazioni di monossido di carbonio hanno rischiato di uccidere una badante nella Bassa Padovana la sera di martedì. Verso le 23.00 i vigili del fuoco insieme ai carabinieri della stazione di Borgo Veneto sono intervenuti in via 28 aprile nell'abitazione di H.S., 30enne marocchina regolare che si era sentita male.

L'intervento

Insieme ai militari e ai pompieri sono intervenuti i sanitari del Suem 118 che hanno rianimato la donna, portandola in ospedale a Padova dove si trova ricoverata non in pericolo di vita. A provocare le esalazioni sarebbe stato un braciere acceso all'interno della camera da letto che ha saturato l'ambiente rendendo l'aria irrespirabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monossido di carbonio inalato durante il sonno: 30enne rischia di morire asfissiata

PadovaOggi è in caricamento