menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Morte per avvelenamento": è mistero sul decesso del 75enne Lino Bassan

L'uomo, residente a Ponte San Nicolò, era ricoverato da un mese all'ospedale di Padova per un'intossicazione da pesticidi: i carabinieri di Piove di Sacco indagano sul caso senza escludere alcuna ipotesi

"Avvelenamento". Una semplice parola, ma che cela un incredibile mistero: come riportano i quotidiani locali, si infittisce il caso della morte del 75enne Lino Bassan.

L'avvelenamento

Tutto ha inizio a fine settembre, quando l'anziano (residente a Ponte San Nicolò) viene ricoverato d'urgenza all'ospedale civile di Padova con convulsioni e problemi a esprimersi. Gli esami non riscontrano nulla di particolare, ma lo zelo di un dottore - che ha spedito delle provette contenenti il sangue del 75enne al centro antiveleni di Pavia - ha portato all'incredibile scoperta: intossicazione da organofosforici. composto organico tossico utilizzato come pesticida e insetticida. Lino Bassan è subito stato sottoposto a cure specifiche, ma dopo aver lottato per un mese è deceduto il 30 ottobre.

Le indagini

L'azienda ospedaliera ha quindi provveduto a segnalare il caso alla Procura, che ha aperto un'indagine al momento senza iscritti nel registro degli indagati. E le indagini sono state affidate ai carabinieri della compagnia di Piove di Sacco, che non escludono alcuna ipotesi: i militari dell'Arma hanno interrogato gli amici e i parenti dell'uomo, compresa la giovane moglie romena, la quale ha segnalato agli inquirenti che il 75enne spesso usava diserbanti per coltivare il proprio campo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento