É morto Giandaniele Pauletto, uomo di cultura. Tre decessi in casa in poche ore

Oltre allo storico e restauratore di Montagnana, altre due donne sono state ritrovate cadavere nelle loro abitazioni del capoluogo. Si tratterebbe in tutti i casi di morti naturali

Giandaniele Pauletto

Ha suscitato grande cordoglio nella Bassa la scomparsa del 61enne, morto in casa da un paio di giorni e ritorvato da carabinieri e pompieri. In città è invece intervenuta la polizia per due casi analoghi nei quartieri Sud Est.

Montagnana

Sono state le segnalazioni al 112 di alcuni vicini di casa a portare i militari nella centralissima piazza Vittorio Emanuele III a Montagnana. Da qualche giorno non si avevano più notizie del 61enne Giandaniele Pauletto, che viveva solo in un appartamento nel cuore della cittadina. Era quasi mezzanotte e non ricevendo risposta al telefono né al citofono, i vigili del fuoco hanno abbattuto la porta. All'interno il peggiore dei sospetti si è concretizzato: l'uomo era seduto in poltrona, aveva ancora tra le mani uno dei suoi amati libri. Inutile ogni tentativo di rianimazione, fin da subito è stato chiaro che Pauletto fosse deceduto da molte ore. Circa 48, secondo le prime stime del medico legale che accertato la causa naturale della morte restituendo la salma ai familiari per l'organizzazione delle esequie. Conosciutissimo e stimato in paese e non solo, la sua morte ha sollevato un'ondata di cordoglio. Restauratore, grande appassionato d'arte e di storia oltre che di letteratura, per molti è stato un maestro oltre che un amico e un punto di riferimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Padova

É stata ritrovata priva di vita nella sua casa di via del Cristo a Voltabarozzo l'89enne Anna Zarbin. A scoprire il corpo della pensionata sono stati i pompieri e i paramedici che hanno poi richiesto, come da prassi, l'arrivo della polizia per i rilievi. Accertata la morte naturale, è stato dato il nulla osta per l'organizzazione dei funerali. Una vicenda molto simile è toccata alla 61enne Daniela Carraro, soccorsa ormai esanime nel suo appartamento di via Bertacchi, vicino al parco Iris. Anche per lei nonostante gli sforzi del personale medico non c'è stato nulla da fare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • «La nostra super Bubi ha guadagnato un passaggio per il Paradiso»: Lavinia ci ha lasciati

  • Il sorpasso azzardato causa lo scontro tra auto: un ferito elitrasportato in ospedale

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

  • Due padovane in difficoltà lungo la Strada delle 52 Gallerie: interviene il soccorso alpino

  • Violento schianto contro il palo della luce: guidatrice trasportata in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento