menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morti bianche da inizio 2016: 35 le vittime sul lavoro in Veneto, cinque i decessi a Padova

Una tragedia che porta, purtroppo, la regione al terzo posto della graduatoria nazionale per numero di vittime rilevate in occasione di lavoro, dopo la Lombardia che ne conta 26 e l'Emilia Romagna - prima in classifica - che ne conta addirittura 33

Sono 25 le morti bianche registrate nei primi cinque mesi dell’anno in Veneto, 5 delle quali sono avvenute a Padova. Una tragedia che porta, purtroppo, la regione al terzo posto della graduatoria nazionale per numero di vittime rilevate in occasione di lavoro, dopo la Lombardia che ne conta 26 e l’Emilia Romagna - prima in classifica - che ne conta addirittura 33.

35 MORTI NEL NORDEST. E il dramma in tutto il Nordest arriva a registrare 35 infortuni mortali sul lavoro. Perché a quelli del Veneto si aggiungono anche i 5 decessi del Friuli Venezia Giulia e del Trentino Alto Adige. Unico dato positivo, in uno scenario tanto sconfortante, giunge dal decremento della mortalità, rispetto ai primi cinque mesi del 2015, pari al 12,5 per cento.

5 MORTI A PADOVA. A definire la mappatura dell’emergenza delle morti sul lavoro a Nordest è la più recente indagine dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre sulla base di dati Inail.  Una geografia impietosa che narra la tragedia delle vittime sul lavoro a Nordest e in cui è Vicenza a far registrare il maggior numero di vittime (8). Una maglia nera che fa salire la provincia veneta anche sul podio della graduatoria nazionale, dopo Napoli (9 decessi) e Roma (13). Seconda a Nordest per numero di vittime rilevate in occasione di lavoro è Treviso (6), terza Padova (5). Seguono: Udine e Verona (4); Bolzano (3); Trento (2); Belluno, Pordenone e Venezia (1).

I SETTORI PIÙ COLPITI. Per quanto riguarda, poi, l’incidenza di mortalità rispetto alla popolazione lavorativa è il Trentino Alto Adige a far registrare il dato peggiore in Triveneto, con un indice di 10,5 contro una media nazionale di 12,2.  Attività manifatturiere, Costruzioni e Commercio i settori più colpiti dalle tragedie sul lavoro.

IN ITALIA. Intanto, in Italia nei primi cinque mesi del 2016 sono stati 274 gli infortuni mortali rilevati in occasione di lavoro e 90 quelli in itinere. Anche a livello nazionale, come a Nordest -  sebbene in misura decisamente minore - emerge un decremento della mortalità in occasione di lavoro rispetto al 2015 e pari al 2,8 per cento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento