menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al posto dello zafferano sul risotto mettono un'erba velenosa, muoiono due anziani

Il marito è morto a distanza di più di due settimane dalla moglie. L'autopsia ha rivelato l'avvelenamento. I coniugi risiedevano a Cona, nel Veneziano, e si trovavano in vacanza

Sulla loro morte sono in corso accertamenti da parte della procura di Trento, competente per territorio visto che il primo decesso si è verificato in quel territorio. Due coniugi di Cona, nel Veneziano, sono spirati per sospetto avvelenamento a distanza di una ventina di giorni l'uno dall'altro. Si tratta di Giuseppe Agodi, 70 anni, e di Lorenza Frigatti, 71. Lo scenario è mutato nel momento in cui è stata eseguita l'autopsia sul corpo del marito, deceduto a Folgaria per un sospetto infarto. Niente di tutto ciò: a causarne la morte sarebbe stato un avvelenamento da parte di un'erba velenosa molto simile allo zafferano.

RISOTTO FATALE

Quest'ultima sarebbe stata utilizzata per cucinare un risotto che si sarebbe rivelato fatale per la coppia. "Giuseppe e Lorenza erano molto conosciuti in paese - dichiara il sindaco Alberto Panfilio - negli ultimi tempi abitavano in un Comune vicino, nel Padovano, ma avevano mantenuto saldi rapporti con la nostra comunità. Erano sempre attivi in occasione delle iniziative della nostra Pro Loco. Il funerale di Giuseppe è già stato celebrato e la sua urna è stata posizionata nel cimitero di Cona. Mi è stato spiegato il motivo della loro morte, per un'erba velenosa".

RISULTATI DELL'AUTOPSIA

La moglie, dopo giorni di agonia, è morta all'ospedale di Piove di Sacco nella giornata di lunedì dopo aver accusato un grave malessere poco dopo la morte del marito. E' stato a quel punto che il magistrato ha disposto l'autopsia su Giuseppe Agadi. Ora i risultati dei test tossicologici hanno cambiato le carte in tavola: con ogni probabilità non fu infarto ma un avvelenamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento