Centralina del camion modificata: inquinamento alle stelle, la ditta dovrà pagare

Un camionista è stato multato dopo essere stato scoperto su un tir con il sistema AdBlue manomesso illegalmente. Lo stratagemma per risparmiare e non avere limiti di velocità

Una fase dei controlli sul mezzo pesante

Ha acquistato un centralina illegale, l'ha collegata al suo camion e nascosta. L'obiettivo? Ingannare il sistema di alimentazione e risparmiare. É stato però smascherato dalla polizia locale, che ora vuole capire se l'autista abbia agito con la complicità di qualcuno.

Soldi risparmiati e inquinamento alle stelle

La scoperta risale a mercoledì quando un tir di una ditta di autotrasporti veronese è stato fermato nella zona industriale di Arsego. Alla guida un dipendente tunisino. Setacciando il camion gli agenti della polizia locale del Camposampierese hanno scovato il dispositivo illegale, nascosto nel vano porta fusibili e avvolto da cavi elettrici. É una centralina che si applica a quella originale per ingannare il sistema AdBlue, obbligatorio sui mezzi pesanti insieme a un particolare additivo: insieme trasformano gli inquinanti in sostanze meno dannose per l'ambiente e se il camion sta producendo emissioni troppo alte il sistema ne diminuisce velocità e potenza. Ecco dunque il ruolo della centralina illegale: confondendo quella vera blocca l'immissione dell'additivo (risparmiando sul costo) e impedisce che il tir rallenti. Il risvolto della medaglia è però pesante, perché in questo modo il camion scarica grandi quantità di inquinanti, tanto che un veicolo Euro 6 può inquinare quanto un Euro 0.

Le indagini e i dubbi

Immediato il sequestro del mezzo e il ritiro della carta di circolazione, mentre l'autista ha ricevuto una multa di 422 euro. Il risparmio ottenuto illegalmente influisce sul proprietario del camion, che limita il rifornimento dell'additivo e beneficia di accise e pedaggi per mezzi che sulla carta sono poco inquinanti, ma che in realtà hanno immissioni altissime. Per questo gli agenti hanno interrogato i titolari, che si sono però detti all'oscuro di tutto. Hanno spiegato di aver comprato il camion da poco, perciò la colpa sarebbe del tunisino o del proprietario precedente, ma per riaverlo dovranno ripristinare il sistema AdBlue. Operazione che potrebbe costare anche migliaia di euro.

Potrebbe interessarti

  • La Notte dei Colori, feste in piazza e sui colli, lirica e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • 10mila veneti colpiti da Linfedema. Sinigaglia: «Pazienti costretti ad andare all'estero per farsi curare»

  • «Ecco perché perdiamo forza durante l’invecchiamento»: la ricerca congiunta Vimm-Università

  • Veicoli storici: riduzione del 50% dell'imposta per i mezzi registrati fino al 2 marzo 2019

I più letti della settimana

  • Violento acquazzone nel Padovano: forte vento e grandine, alberi sradicati e strade allagate

  • Domenica di sangue: schianto tra due auto sull'argine a Codevigo, morto un 43enne

  • Tragico frontale sulla regionale 308: muore un parroco di 82 anni

  • Tragico schianto in moto alle Canarie: muore Andrea "Pizzi" Mazzin, 35enne padovano

  • Tragedia al maneggio, ucciso dal cavallo imbizzarrito. Il dramma ripreso da un collega

  • La Notte dei Colori, feste in piazza e sui colli, lirica e sagre: gli eventi del weekend a Padova

Torna su
PadovaOggi è in caricamento